E' di un marinaio della Gokbel il corpo trovato sul litorale fanese lo scorso 23 maggio

Il naufragio della Gokbel a Ravenna Fano 05/11/2015 - Ha finalmente un nome il cadavere rinvenuto il 23 maggio 2015 sulla spiaggia di Fano.

A seguito di un ulteriore esame tecnico, disposto dalla Procura della Repubblica, è stato accertato che il corpo appartiene a K. Y., cittadino turco di 36 anni, naufrago nel tragico affondamento della motonave di bandiera turca Gokbel, il 28 dicembre 2014, nelle acque al largo di Ravenna.

Gli esiti dell'ultimo esame scientifico, sostenuto in presenza di un congiunto del marinaio, giunto appositamente dalla Turchia, hanno confermato l'identità dell'uomo scomparso in mare. Sono stati incrociati dati e informazioni su tutti i dispersi nell’Alto Adriatico: seguire questa linea ha dato i suoi frutti poiché lo stato del corpo appariva compatibile con la permanenza prolungata in acqua.

Il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Fano,Eliana Di Donato, ha tenuto contatti precisi e continui con il console generale di Turchia ad Ancona: il 6 novembre la salma sarà rimpatriata in Turchia.





Questo è un articolo pubblicato il 05-11-2015 alle 18:46 sul giornale del 06 novembre 2015 - 551 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ravenna, articolo, Francesco Gambini, gokbel

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ap7G