SEI IN > VIVERE FANO > SPORT
articolo

Alma, Andrea Sivilla: "Non mi muovo da Fano"

2' di lettura
354

Andrea Sivilla

“Vogliamo subito reagire perché i primi ad essere dispiaciuti siamo noi”. Parola di Andrea Sivilla, attaccante granata che commenta così il momento negativo della squadra che è concentrata per cercare, sin dalla gara contro la Fermana, di risollevarsi.

“Certamente da parte nostra c’è il rammarico per questa flessione di risultati. I primi ad essere delusi siamo noi perché vogliamo dimostrare sul campo che non siamo quelli delle ultime settimane: lo dobbiamo alla società, ma anche ai nostri tifosi e a tutti coloro che ci sono vicini. Solo con la forza del gruppo riusciremo ad uscire da questa situazione. Pertanto, nello spogliatoio e insieme allo staff tecnico siamo ancora più uniti e compatti per trovare la soluzione che possa permetterci di riprendere il cammino che abbiamo interrotto da qualche settimana”.

A livello personale Sivilla ammette le proprie pecche: “Nessuno può essere contento del proprio rendimento, il campo parla chiaro. Da queste problematiche si esce solamente attraverso il sacrificio e la massima concentrazione. Con la Fermana domenica davanti ai nostri tifosi faremo in modo di invertire la rotta e in questa settimana lavoreremo in questa direzione”. Sivilla sgombera il campo anche dalle voci di mercato uscite in questi giorni sulla stampa: “Smentisco nel modo più assoluto le voci di mercato che stanno circolando. Sto bene a Fano e voglio concentrami solo sul campo per tornare a vincere il prima possibile. Non esiste nessuna trattativa perché voglio continuare a vestire la cassa granata.

Secondo il mio parere personale, queste sono solo voci che tendono a minare la tranquillità e la stabilità del nostro gruppo e del nostro operato. Questo per noi rappresenta un ulteriore stimolo per cercare di smentire con i fatti quanti stanno cercando di attaccare il nostro gruppo e i nostri valori in un momento di difficoltà”



Andrea Sivilla

Questo è un articolo pubblicato il 04-11-2015 alle 16:11 sul giornale del 05 novembre 2015 - 354 letture