x

Lutto Serafini: il vescovo Trasarti scrive ai genitori di Edoardo

Armando Trasarti 1' di lettura Fano 29/06/2015 - L’agonia di perdere un figlio è incomparabile. La morte di un bambino è la morte dell’innocenza. Una parte dei genitori muore quando il figlio muore, forse perché il futuro, con tutti i sogni e le speranze, va in frantumi.

L’imprevista morte di un figlio, per ogni famiglia, è un evento devastante, non c’è tempo per prepararsi alla tragica perdita. I genitori si aspettano che i loro figli vivano a lungo, che gli sopravvivano.
Riprendersi dalla perdita di un figlio, richiede pazienza, tempo e duro lavoro. I ricordi non andranno via e non debbono andare via.

Se mettiamo Cristo dentro la barca della nostra vita non affonderemo: fidatevi e affidatevi. Il peso non ci sarà tolto, ma sarà accompagnato. Ricordatevi: nessuna lacrima scorre invano.
Cari genitori, abituatevi, d’ora in poi, a frequentare il silenzio e le lacrime ma insieme, voi come famiglia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2015 alle 13:12 sul giornale del 30 giugno 2015 - 594 letture

In questo articolo si parla di cronaca, chiesa, religione, Diocesi di Fano, armando trasarti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/alhH





logoEV
logoEV
logoEV