x

Carabinieri, 201° della Fondazione: 285 arrestati in un anno

Celebrazioni dell'Arma dei Carabinieri - foto di Mirco Carloni 4' di lettura Fano 05/06/2015 - Si è svolta questa mattina, in forma sobria, ma solenne, in linea con i principi che ispirano l’Istituzione, la cerimonia per il 201° annuale della fondazione dell’Arma, presso la Caserma intitolata al “Carabiniere Medaglia d’Argento al Valor Militare Robusto Antonelli”.

Come da consuetudine, per l’anniversario della fondazione, è stato reso noto il bilancio complessivo dell’attività condotta dagli uomini e dalle donne dell’Arma su tutto il territorio provinciale, bilancio che risulta positivo e che concretizza la quotidiana e costante azione di prevenzione e contrasto al crimine svolta dai Carabinieri di Pesaro e Urbino, attraverso la propria articolazione che prevede un Reparto Operativo, 3 Compagnie e 34 Comandi Stazione, questi ultimi unici presidi dello Stato in 49 dei 52 comuni della provincia.

Dall’esame dei dati statistici riferiti al periodo 1 giugno 2014 – 31 maggio 2015, le attività del Comando Provinciale hanno riguardato il perseguimento di 8.686 reati (pari all’83% del totale dei 10.490 reati commessi), per i quali sono stati individuati gli autori in 2.287 casi (oltre il 26%). Sono stati dunque arrestati 285 colpevoli e denunciati in stato di libertà all’A.G. altri 2.157 (di cui, rispettivamente, 154 e 630 stranieri). La prevenzione ed il contrasto dei principali reati predatori (furti e rapine) sono stati perseguiti con particolare impegno, attesa l’incidenza sul totale dei reati perpetrati (la loro somma ne rappresenta il 58%), oltre che per il maggiore allarme sociale che suscitano.

Nel periodo in esame, le rapine oggetto di indagini da parte dell’Arma sono state 27; scoperte in 11 casi, pari al il 41% del totale, con 24 autori arrestati ed altri 8 deferiti in stato di libertà. Per ciò che riguarda i furti, ne sono stati perseguiti 4.891 e scoperti 323, con 105 colpevoli arrestati e 355 deferiti in stato di libertà. Sono stati 68 i reati di ricettazione denunciati, 59 dei quali scoperti, con 4 colpevoli arrestati e 79 deferiti in stato di libertà. Le indagini relative a 21 estorsioni hanno condotto a scoprirne gli autori 12 casi, per i quali sono stati arrestati 12 responsabili e deferiti in stato di libertà altri 8.

In materia di stupefacenti si è proceduto all’arresto di 65 persone ed alla denuncia in stato di libertà di altre 78, con il conseguente sequestro di oltre 24 chilogrammi di droga complessivi, costituiti principalmente da hashish e cocaina, nonché da eroina ed anfetamine; sono stati inoltre 67 (tra cui 6 minori e 5 stranieri) i segnalati al Prefetto quali assuntori di sostanze stupefacenti. Incessante è stato lo sforzo per rendere particolarmente incisivo il controllo del territorio attraverso un maggiore numero di militari impiegati nei servizi esterni, grazie alla costante semplificazione ed informatizzazione dell’attività burocratica. I reparti del Comando Provinciale di Pesaro e Urbino hanno infatti garantito anche nel periodo in esame 20.492 servizi esterni (tra pattuglie, perlustrazioni e servizi consorziati in tutta la provincia), con l’impiego di 39.210 militari, oltre a concorrere ai 427 servizi di Ordine Pubblico, cui hanno preso parte 1.433 militari.

L’impegno nell’esecuzione dei servizi esterni ha conseguito tangibili risultati in ordine al numero delle persone, dei mezzi e dei documenti controllati (rispettivamente oltre 63.049, 42.762 e 17.695), sia con finalità di prevenzione dei reati che di controllo alla circolazione stradale.

A margine dei risultati dell’attività operativa propriamente detta, i Carabinieri del Comando Provinciale hanno proseguito, con convinzione e passione, l’iniziativa attuata da diversi anni in collaborazione con le strutture scolastiche e consistente in una serie di conferenze nelle scuole finalizzata ad infondere nei bambini e negli adolescenti di oggi la cultura della legalità, nonché sensibilizzarli – con argomenti attagliati alle rispettive età – sui corretti compor- tamenti durante la circolazione in strada, sui pericoli derivanti dalle sostanze stupefacenti e dall’abuso di alcool, oppure – per i più grandi – sulle problematiche giovanili più attuali, quali lo “stalking”, la “pedopornografia” e il “bullismo”.






Questo è un articolo pubblicato il 05-06-2015 alle 14:54 sul giornale del 06 giugno 2015 - 335 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, rossano mazzoli, articolo





logoEV
logoEV