x

San Lorenzo in Campo: Dellonti 'Su quale pianeta vive la minoranza?'

6' di lettura 28/04/2015 - La primavera è arrivata da un mese circa, ma ha come d’incanto risvegliato soltanto ora la minoranza laurentina e i suoi consiglieri, da un coma profondo nel quale sono piombati ormai da mesi. Un piccolo sussulto, che per lo meno ci rassicura sulla loro salute.

Le argomentazioni sono sempre quelle e si legge fra le righe che purtroppo continuano ancora a non accettare il voto popolare di 11 mesi fa (non 365 giorni come sostenuto). Tematiche ed argomenti sono i soliti, sempre quelli, questioni in gran parte ormai superate. Ci aspettavamo di meglio insomma, tanto che il comunicato della minoranza sembra più un documento “d’ufficio”, fatto tanto per dimostrare che sono ancora presenti, ma che denota una estrema difficoltà nella loro azione politica.

Una minoranza che non si è accorta dei cambiamenti è semplicemente preoccupante: ci chiediamo dove vivano, se vivono a San Lorenzo o altrove. Il paese si sta risvegliando e sta rinascendo. Certo non è un percorso facile e veloce, ma la strada ci sembra quella giusta. Parlare di immobilismo della giunta Dellonti, da parte di una minoranza, espressione di una amministrazione decennale, che ha fatto nulla o poco più, è al limite del ridicolo e richiede molto coraggio ed autoironia. E’ una situazione che si addice ad una minoranza che non è alla frutta, ma al caffè probabilmente.

La giunta attuale si è da subito mossa in maniera attiva, propositiva e innovativa in ogni direzione, dal sociale alle manutenzioni, dalla cultura e turismo alle attività produttive, dall’ambiente alle frazioni, insomma in ogni ambito proprio di una amministrazione comunale. Certo, diverso tempo lo abbiamo impiegato, e purtroppo dovremo continuare ad impiegarlo, per far fronte alle innumerevoli situazioni, in ogni ambito, lasciate a metà e non risolte dalla precedente amministrazione, quella sì “immobile” per antonomasia. Inoltre in questi mesi si sono messi in campo una serie di risparmi, tagli che non intaccano i servizi erogati, alcuni servizi ripresi “in house” ed eliminato inefficienze, al fine di non gravare sulle tasche dei cittadini.

La giunta Dellonti in pochi mesi si è adoperata per realizzare progettazioni, anche esecutive, di opere importanti e fondamentali per il paese, come promesso in campagna elettorale, progetti pronti per partecipare ai bandi regionali, nazionali ed europei e alcuni di essi già sono stati inviati. Ex scuola media, sistema delle piazze, illuminazione monumentale, palestra, efficientamento energetico, numerosi progetti culturali e turistici, alcuni dei quali precedentemente snobbati, sono solo alcune delle cose su cui l’Amministrazione sta lavorando in maniera pratica e concreta. Grazie al lavoro instancabile di questa amministrazione e di tutti i consiglieri di maggioranza si sono portati avanti progetti ed iniziative di pregio, l’ordinaria amministrazione la lasciamo a coloro che ci hanno preceduto.

Inoltre per l’amministrazione comunale, comunicare con la cittadinanza, in ogni forma che la tecnologia attuale ci consente, è una priorità e riteniamo sia importantissimo e fondamentale. Non rammentiamo una quantità di incontri con la popolazione e categorie professionali, in così poco tempo, come ha realizzato tale amministrazione. Ricordiamo che il comunicare, in maniera immediata e puntuale, comporta sia vantaggi che svantaggi, ma è la linea che ci siamo dati. Se in passato ciò non veniva fatto ce ne dispiacciamo: parlare, proditoriamente, soltanto di autocelebrazione in tal senso, dimostra una certa miopia e voglia di polemizzare inutilmente. Oltre la comunicazione sui mezzi convenzionali, si è incrementato notevolmente anche il rapporto diretto con gli amministratori, che spesso ricevono in comune anche al di fuori del ricevimento convenzionale.

Per quanto riguarda la biblioteca comunale è già stata programmata la data di inaugurazione. L’apertura è stata continuamente procrastinata, ci duole affermarlo, per le innumerevoli “leggerezze” che sono state fatte in passato. La struttura e l’allestimento, quando ci siamo insediati, erano tutt’altro che conclusi o pronti all’apertura purtroppo. Inoltre vi è stato anche un notevole spreco di risorse sugli allestimenti tecnologici, visto il finanziamento GAL. Ora, con notevoli sforzi siamo giunti a risolvere le varie problematiche e la struttura è pronta all’apertura. Le modalità di gestione seguono le ristrettezze di bilancio e non si può prevedere oggi un affidamento esterno. Il coinvolgimento delle associazioni culturali laurentine e del territorio nella struttura, una volta aperta, sarà massimo come è d’uso di questa amministrazione.

In merito alla scuola materna, si è coinvolta la cittadinanza e in più occasioni le insegnanti, mostrando loro il progetto preliminare e definitivo. Il dissenso che la minoranza sente non ricalca certamente la maggioranza della popolazione e degli interessati soprattutto. Si realizzerà una scuola sicura, ampliata in capacità massima di oltre il 20%, adeguata alle normative, senza soprattutto lasciare uno “scheletro” in pieno centro, o abbatterla, come avrebbe voluto la scorsa amministrazione e parte dell’attuale minoranza. Ritornare su questo tema è davvero antistorico, ma siamo consapevoli che la minoranza avrebbe esultato nel farci perdere il finanziamento regionale. Inoltre il nostro programma elettorale ha sempre parlato chiaro su tale tema: stiamo realizzando quanto promesso.

Riguardo la raccolta differenziata leggiamo diverse inesattezze e la tariffazione puntuale sarà realizzata presto. Per quanto riguarda la scadenza dell’appalto ad AM Consorzio Sociale si stanno vagliando tutte le soluzioni possibili per dare ai cittadini un servizio impeccabile e migliorare le criticità esistenti. Si è rimesso mano al regolamento e al piano tariffario della TARES per dare una tariffazione più equa rispetto alla precedente. Se, come dice la minoranza, non avessimo fatto nulla per migliorare il servizio ed anzi incentivarlo, i dati sarebbero in peggioramento, invece, sono in costante miglioramento. Inoltre verrà normato e regolamentato il centro del riuso, premiando le tecniche virtuose, cosa che in passato non era stata fatta.

Per quanto concerne la nuova palestra, detta minoranza dovrebbe avere un minimo di decenza visti i progressi compiuti. In pochissimo tempo siamo riusciti a realizzare un progetto esecutivo che è stato inviato in Regione per partecipare al Bando di Edilizia Scolastica. La minoranza dovrebbe sapere che i finanziamenti a fondo perduto vengono individuati soltanto per le “palestre scolastiche” e quindi per partecipare occorre legare una palestra ad una scuola, ed ovviamente, avere la titolarità dell’area. Condizioni entrambe, non soddisfatte dall’area vicino al campo sportivo. Area che ribadiamo, a scanso equivoci, è ancora nell’interesse dell’attuale amministrazione, anzi si stanno avendo trattative proficue che porteranno a risultati molto più vantaggiosi per la collettività rispetto alla soluzione precedente. Altre polemiche in merito al tema dell’area, sono soltanto squallore di parte della minoranza.

Infine, non è di certo colpa di questa amministrazione se sono sorte molte iniziative culturali, turistiche e sportive in più, organizzate delle nostre associazioni, che ringraziamo e dall’amministrazione direttamente o con la sua collaborazione, sempre assicurata. Probabilmente, ora, hanno trovato terreno più fertile, in quanto ad idee, impegno e collaborazione. Il tutto, ricordiamo, senza spese pubbliche ulteriori rispetto a quelle che si son sempre stanziate su tali tematiche.

Insomma ci aspettavamo delle critiche più costruttive. Pazienza!


da Davide Dellonti
Sindaco di San Lorenzo in Campo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-04-2015 alle 11:51 sul giornale del 29 aprile 2015 - 339 letture

In questo articolo si parla di politica, san lorenzo in campo, sindaco, Davide Dellonti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aiGV





logoEV
logoEV