x

Convegno 'Noi siamo start up': valore e fiducia al lavoro dei giovani

2' di lettura Fano 24/04/2015 - Grande affluenza di giovani alla sala ipogea della Mediateca Montanari oggi 24 aprile per il convegno "Noi siamo start up" organizzato da Widea Farm, azienda pesarese, e Business Abroad, che si occupa di export per aziende fanesi.

Le parole per descrivere questo ampio pomeriggio sono energia, giovani e creatività, perchè nominando le Start Up si parla di avviamento d'impresa, avventura che richiede energie ed entusiasmo a profusione, al fine di creare la propria opportunità.
Il suggerimento di Alberto Drudi, Presidente della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino, è di "guardare oltre" il presente contingente e di proiettarsi direttamente nel futuro poichè il mercato è un soggetto cangiante e occorre affrontarlo cambiando punti di vista: "Se comprendiamo i cambiamenti del sistema mondiale, riusciamo ad essere competitivi; se riusciamo a dare la migliore qualità, diventiamo punti di riferimento", livello già raggiunto dal made in Italy grazie all'inventiva e creatività dei nostri imprenditori che tutto il mondo ci invidia.
Questo periodo storico non è di "crisi" secondo Flavio Nucci, Direttore del Centro per l'Impiego Job di Fano, bensì di cambiamento: ha evidenziato il disequilibrio tra l'offerta di lavoratori e la domanda di determinati profili e qualità da parte delle aziende, proprio a dimostrare che oggi occorre interpretare e saper utilizzare il presente con i suoi strumenti; tale è il caso del web, per il quale vengono a esistenza nuove figure professionali. Un obiettivo del Job di Fano è di riequilibrare questa situazione intervenendo con una politica di orientamento così da veicolare le competenze e talenti delle nuove generazioni in professioni attuali e quindi richieste.
La situazione delle Marche, ci informa il dott. Guido Cesaroni dell'azienda Widea Farm, vede ben 56 aziende Start Up, cioè il 6% delle imprese marchigiane.
Anche Fano ha esempi di successo: la seconda parte del pomeriggio è stata occasione per ascoltare l'esperienza di Alessandro Ricci di Piadineria "Da Peppe", Samira Leglib con English for Todders, Patrizia Longano e Claudia Romeo con Piazza Pupazza, Manuel Corsini con Wolf Identity e Matteo Nicolini con Db World.
Infine, l'Assessore alle Politiche Giovanili Caterina Del Bianco ha presentato l'idea di creare uno spazio, all'interno della MeMo, dedicato all'orientamento per agevolare i giovani nel reperimento di informazioni, anche normative, riguardanti il mondo del lavoro. Il progetto, a cura dell'Assessorato alle Politiche Giovanili e dell'Assessorato alle Biblioteche, verrà attivato il 5 maggio.







Questo è un articolo pubblicato il 24-04-2015 alle 08:00 sul giornale del 27 aprile 2015 - 437 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, start up, job, memo, articolo, giulia torelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aizP





logoEV
logoEV