x

Casa di Riposo Fossombrone, Mezzanotti: 'E’ la seconda volta che ricorriamo all’Anticorruzione'

mezzanotti 2' di lettura Fano 21/04/2015 - E’ la seconda volta che ricorriamo all’Autorità Nazionale Anticorruzione per la gara in project financing per la gestione e l’ampliamento della Casa di Riposo comunale. Una gara che la Giunta Pelagaggia si ostina a portare avanti da 3 anni e mezzo e per la quale ha già speso almeno 30 mila euro dei nostri soldi in gare inutili.

Questo tipo di procedura, da subito contestata dalla Cooperazione Sociale marchigiana e dai Sindacati della provincia, non è economicamente sostenibile perché non è possibile trarre dai servizi alla persona un margine in grado di permettere una costruzione del costo di 1 milione e mezzo di euro a Fossombrone che ha una lista d’attesa non sufficiente a riempirla.
A gennaio abbiamo inviato un esposto all’Anac perché a nostro parere è stata scelta una procedura, quella negoziata, senza che vi fossero i presupposti previsti dal codice dei contratti pubblici.
A febbraio, dopo mesi e mesi di commissioni, sono state aperte le offerte economiche dei partecipanti. Il codice degli appalti prevede che le aperture delle buste contenenti la documentazione amministrativa, l'offerta tecnica e l’offerta economica, debbano essere pubbliche per garantire la trasparenza e l’imparzialità dell’azione amministrativa.
Venuto a conoscenza dell’apertura delle buste economiche, ho chiesto chiarimenti al responsabile del procedimento. Volevo conoscere se la seduta era stata pubblicizzata, permettendo a tutti di partecipare garantendo la trasparenza dell’azione, e come era stato reso noto l’evento. Le risposte che ho ricevuto non mi hanno permesso di ottenere un riscontro oggettivo.
Non mi è stato possibile conoscere come è stata pubblicizzata l’apertura delle buste. Dalle notizie in mio possesso non mi risulta che sia stata pubblicata sul sito o sull’albo pretorio. Abbiamo deciso pertanto di presentare un nuovo esposto all’Anac affinché giudichi se la procedura adottata dal Comune di Fossombrone sia legittima o violi il Codice dei Contratti. Il mancato rispetto della pubblicità delle sedute di gara è ritenuto dalla giurisprudenza vizio di procedura e ogni atto successivo potrebbe risultare illegittimo.
Ci auguriamo che l’Anac faccia chiarezza e che l’amministrazione Pelagaggia si metta una mano sul cuore e la smetta, una volta per tutte, di intestardirsi su gare d’appalto assurde e costose che creano incertezza a chi lavora nei servizi e disagio a chi ne usufruisce.

da Maurizio Mezzanotti
Consigliere Comunale di Fossombrone





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-04-2015 alle 10:16 sul giornale del 22 aprile 2015 - 428 letture

In questo articolo si parla di politica, fossombrone, maurizio mezzanotti, mezzanotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ail8





logoEV
logoEV
logoEV