SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

ForBici: meno potere alle auto, città più vivibile

2' di lettura
746

E' cronaca di questi giorni il malcontento degli automobilisti di fronte alle multe. Cittadini su tutte le furie per aver preso una sanzione; c'è chi ha parcheggiato fuori dagli spazi, chi ha parcheggiato vicino ad un incrocio o davanti ad una rampa e chi non ha rinnovato il parchimetro.

Ed ecco che monta la protesta e così come troppo spesso accade in Italia, chi commette un'infrazione o un reato diventa una povera vittima. Come associazione FOR.BICI vorremmo ribadire che parcheggiare fuori dagli spazi è un abuso che va punito e il motivo di porre i divieti è troppo spesso dimenticato. Parcheggiare vicino agli incroci limita la visibilità e ciò provoca incidenti. Parcheggiare nelle viuzze strette è vietato perchè è pericoloso, in caso di necessità può impedire il passaggio delle ambulanze; le rampe vanno lasciate libere per permettere il passaggio di passeggini e carrozzelle; le zone a pagamento con disco orario servono per permettere la rotazione dei parcheggi e per incentivare l'uso del parcheggio a più utenti e non ai furbi che arrivano per primi e pretendono la piazzola per tutta la giornata...
Sulla viabilità circolano convinzioni superficiali e quindi sbagliate; per esempio spesso si dice che a Fano mancano i parcheggi. Non è assolutamente vero. Nel corso degli anni, in particolare nelle adiacenze e all’interno del Centro storico, ne sono stati realizzati a centinaia: ex caserma Paolini, viale XII settembre, ex foro boario, rocca malatestiana, via Montevecchio, ecc. C’è poi il Vanvitelli, nato proprio per soddisfare le esigenze del Centro storico, a rischio di chiusura perché poco e male utilizzato. Molti altri parcheggi poi sono “inventati” dalla fantasia di chi occupa spazi vietati e tutto questo non ha migliorato né la viabilità né la sicurezza.
A mancare veramente sono invece gli spazi protetti per pedoni e ciclisti, questi ultimi un paio di anni fa addirittura oggetto di una vera e propria campagna di “rieducazione” perché considerati utenti della strada pericolosi e forse anche un po’ abusivi; sarebbe quindi ora di cominciare a realizzare marciapiedi e piste ciclabili.
Per questo va salutata con favore la maggiore severità appena avviata nel colpire i parcheggi vietati, sperando che non si tratti di un “fuoco di paglia” e va dato pieno sostegno al Corpo dei Vigili urbani impegnato in una operazione difficile che è certamente apprezzata da molti e invece mal sopportata da chi preferirebbe continuare a fare i propri comodi in nome di un malinteso concetto di tolleranza.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2015 alle 18:42 sul giornale del 17 aprile 2015 - 746 letture