Privatizzazione dell'Ospedale di Fossombrone: dieci domande sulla Montefeltro Salute

4' di lettura Fano 09/12/2014 - A quanto si è appreso da recente comunicato stampa, l'Assessore Mezzolani avrebbe confermato nella struttura di Fossombrone l'attivazione, entro l'anno 2014, di interventi di chirurgia extraospedaliera attraverso forme di convenzione con strutture sanitarie a partecipazione Regionale.

Tradotto: le sale operatorie di Fossombrone saranno affidate a Montefeltro Salute S.r.l., come peraltro evidenziato anche da diverse sigle sindacali in un'analisi attenta che condividiamo. La questione, di rilevante interesse pubblico, pone numerosi interrogativi:
1- Montefeltro Salute S.r.l. è una società mista pubblico-privata costituita nell’agosto 2003 ai sensi dell'Art. 9bis, del Decreto Legislativo numero 502 del 1992, che, al comma 2, individua, fra gli 'elementi di garanzia' , il criterio di 'privilegiare nell'area del settore privato il coinvolgimento delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale'. Per quale motivo la Regione Marche, anziché privilegiare una ONLUS, ha scelto quale socio di maggioranza relativa (40% del capitale) la Servizi Medici Avanzati Società anonima con sede nella Repubblica di San Marino?
2- Nel dicembre 2010 la S.M.A. - Servizi Medici Avanzati di San Marino ha fondato la S.M.A. – Servizi Medici Avanzati con sede in Roma, inattiva sino al 27.10.2011 e partecipata al 100% dalla S.M.A. di San Marino. Nel maggio 2011 la S.M.A. di San Marino ha ceduto le quote detenute in Montefeltro Salute S.r.l. alla S.M.A. di Roma. Tanto sarebbe avvenuto sulla base di un parere legale favorevole del 27.01.2011 con 'gradimento al subentro da parte di Servizi Medici Avanzati S.r.l. con sede in Roma' espresso dagli altri soci nell’assemblea del marzo 2011, di cui, stante la situazione descritta, si ignorano i presupposti. In sostanza, il 40% di Montefeltro Salute S.r.l., nel pieno dell’attività di quest’ultima, è stata ceduta dal socio privato inizialmente scelto dalla Regione ad una società appena costituita e inattiva; ciò nonostante, 'in data 24 ottobre 2011, con deliberazione della Giunta della Regione Marche, la società è stata definitivamente inserita nel sistema dell'offerta sanitaria regionale'. Chi sono i soci della Servizi Medici Avanzati S.r.l. con sede a San Marino?
3- Risulta dalle visure camerali che Montefeltro Salute S.r.l. ha tre soli dipendenti (Dati rilevati al 31.03.2014). Come gestisce il blocco operatorio e il day surgery di Sassocorvaro, il blocco operatorio e il day surgery di Cagli, le visite ambulatoriali a Urbino? In che modo soddisfa i requisiti organizzativi prescritti dalla L.R. Marche 20/2000 e dai relativi regolamenti?
4- Montefeltro Salute S.r.l. vanta ventisei rapporti di 'collaborazione' con altrettanti professionisti, di cui riporta curricula professionali sintetici e pubblicizza i relativi ambulatori con indicazione dei contatti telefonici. La generalità di tali professionisti svolge attività ambulatoriale in più centri medici e strutture private; solo nove svolgono attività ambulatoriale convenzionata presso le strutture affidate dalla Regione Marche a Montefeltro Salute S.r.l.; cinque ricoprono incarichi direttoriali, di responsabilità e svolgono attività lavorativa inquadrati in strutture sanitarie private romagnole, avvantaggiate dalla mobilità passiva marchigiana, e all’Ospedale di Stato della Repubblica di San Marino. Non sussiste, al cospetto di tali circostanze, un conflitto di interessi in capo a detti professionisti, impegnati contemporaneamente sia in favore delle cliniche private romagnole e delle strutture estere per cui lavorano, sia ad arginare la mobilità passiva marchigiana presso le strutture di Montefeltro Salute S.r.l. con cui “collaborano”?
5- Come si concilia tale sistema con la mission dell’ASUR Regionale e degli altri soci pubblici di Montefeltro Salute (Comune di Sassocorvaro e Comunità Montana del Montefeltro)?
6- Risulta dalla visura camerale che nel Consiglio di Amministrazione di Montefeltro Salute S.r.l. siede la Dirigente dell’Area Vasta nr. 1 di ASUR Marche, che, da Montefeltro Salute S.r.l., acquisita i servizi.
7- Non sussiste incompatibilità nel ricoprire il doppio ruolo di erogatore-controllato e fruitore-controllore?
8- E’ opportuno che i servizi e le modalità di gestione del blocco operatorio e del day surgery di Fossombrone siano decisi e organizzati, in futuro, da una società privata di San Marino, dal Sindaco di Sassocorvaro e dalla Comunità Montana del Montefeltro?
9- Non ha, il nostro territorio, Sindaci e Amministratori all’altezza di governare, insieme ai cittadini, i cambiamenti del sistema sanitario a favore della comunità e del territorio?
10- Perché la Giunta Regionale e l’Asur Marche hanno deciso di affidare l’ospedale di Fossombrone a Montefeltro Salute S.r.l., prima ancora di concedere l’incontro richiesto dai Sindaci di Barchi e Montefelcino, resisi disponibili a valutare ipotesi di sperimentazione gestionale proprio per la struttura di Fossombrone?
Invitiamo Sindaci e Amministratori locali ad una opportuna riflessione sul tema. Per quanto ci riguarda, ci opporremo a quello che si appalesa come la privatizzazione dell’ospedale di Fossombrone.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2014 alle 19:46 sul giornale del 10 dicembre 2014 - 1728 letture

In questo articolo si parla di attualità, fossombrone, ospedale fossombrone, Comitato a Difesa dei Diritti, montefeltro salute

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/acHc





logoEV