Viabilità sostenibile a Fano e Interquartieri: quali prospettive?

Viabilità, foto di repertorio 2' di lettura Fano 21/07/2014 - Il “Comitato per una Viabilità Sostenibile” nei mesi scorsi ha sottoposto alla Giunta uscente e ai candidati sindaco dieci proposte per trasformare la strada interquartieri in fase di realizzazione in un bel viale per la città.

In diverse occasioni e assemblee pubbliche da parte dei futuri amministratori è stata espressa una sostanziale condivisione di tali punti. Pertanto il Comitato chiede ora alla nuova Giunta ormai insediata e operativa un incontro urgente per riprendere tali argomenti e trovare la strada giusta (è il caso di dirlo!) per l’applicazione delle proposte all’interno di un più ampio progetto di viabilità sostenibile che riguardi l’intera comunità cittadina.

Questo anche alla luce di quanto si sta decidendo proprio in questi giorni, (vedi recenti articoli apparsi sulla stampa locale), relativamente alla realizzazione della Fano-Grosseto, del nuovo casello autostradale di Fano-Nord a Fenile, della contestata realizzazione dell’Ospedale Unico, auspicando da parte dei nuovi amministratori di garantire uno sviluppo sostenibile attraverso la revisione del PUT e di progetti condivisi con la cittadinanza che possano trasformare la terza città delle Marche in un esempio di città sostenibile a misura di tutti i suoi abitanti, specie delle fasce più deboli quali anziani e bambini.

Proposte:

1. LIMITE dei “30 km/h” con mezzi idonei ai controlli;

2. NO barriere prefabbricate. Sì barriere verdi (vegetazione consona per l’abbattimento acustico ed inquinamento atmosferico);

3. NO ingresso carrabile su viale Italia. Sì accesso pedonale/ciclabile O MAGGIOR SENSIBILITA’;

4. ridefinire ed ampliare la pista ciclabile di progetto;

5. aumentare il numero e dimensioni degli attraversamenti pedonali e ciclabili previsti nel progetto;

6. prevedere opportune deviazioni per impedire l’accesso ai mezzi pesanti, importante per non andare a gravare sulle vie limitrofe all’interquartieri non in grado di assorbire questo tipo di traffico e Per non aumentare inquinamento acustico ed ambientale;

7. nell’ambito del necessario aggiornamento piano urbano del traffico prevedere una nuova circolazione per la viabilità di quartiere coinvolta dal traffico indotto dal progetto. Nello specifico Via Modigliani, Via Trave, Via Fanella, Via della Fornace;

8. progettazione e realizzazione di giardini e arredo urbano lungo il nuovo tratto di strada. mantenimento delle alberature esistenti;

9. prevedere tra strada e marciapiede siepi vegetali;

10. per la definizioni dei suddetti punti prevedere un processo di partecipazione della cittadinanza.


da Comitato "Per una viabilità sostenibile"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2014 alle 09:35 sul giornale del 22 luglio 2014 - 1190 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, viabilità, giunta comunale, sindaco, proposte, comitato per una viabilità sostenibile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7uP


E' da augurarsi che il progetto veda coinvolta tutta la città e non un solo quartiere... promesse elettorali a parte.

Oltre al limite dei 30 km/h proporrei l'utilizzo di carrozze trainate da cavalli

AB1970, qui sotto casa mia i 30 ci sono (come in tutte le strade dove ci sono dissuasori di velocità) ma ti posso assicurare che non servono a nulla se non c'è anche controllo certo... in merito alle carrozze trainate da cavalli: ti riferivi a quelle stradali di una volta o ai "cavalli a vapore" della Fano-Urbino riattivata? Battutaccia del martedì. Saluti.

A proposito della battutaccia, vorrei far presente che in qualità di pedone/ciclista e automobilista sono d'accordo che ci debba essere attenzione e rispetto per tutti, ma credo che fissare un limite di velocità (non s'è capito dove! tutta Fano? la leggendaria Interquartieri? la via di casa?) così basso non possa che alimentare il perenne blocco stradale fanese.

AB1970 - Il limite riguarda le vie con dissuasori di velocità, ma credo che il problema più che nei "limiti" stia nei controlli. Scusa per la battuta, comunque. Anch'io pedone ciclista e automobilista. Saluti.




logoEV