x

Referendum, Fano Unita: 'Il risveglio di Marotta per il No'

Fano Unita 3' di lettura Fano 28/02/2014 - Grandissimo successo dei sostenitori del NO alla assemblea che si è tenuta giovedi 27 febbraio a Marotta presso la sala della circoscrizione. Nonostante la concomitanza del giovedi grasso e del cattivo tempo, grande affluenza all’ennesimo incontro promosso dai sostenitori del NO i quali hanno ribadito e chiarito alcune problematiche che potrebbero nascere qualora prevalesse il sì.

Numerosi gli interventi sia da parte dei membri del coordinamento Fano Unita, Sergio Sorcinelli, Luca Stefanelli, Nevio Leonardi, Matteo Giovanelli sia da parte di esponenti dell’amministrazione fanese che in massa hanno ribadito “il dispiacere se una porzione del territorio fanese venisse perso, territorio verso il quale l’attuale amministrazione, più che in altre zone, negli ultimi anni ha focalizzato il suo forte interesse” queste in sunto le parole del Sindaco Stefano Aguzzi. Tema caldo della serata, le scuole, sul quale è intervenuta la dottoressa Chiara Fiorucci, vice-presidente del istituto comprensivo Fa di Bruno la quale ha sottolineato che: “la precedenza delle iscrizioni è data dall’ambito territoriale e dalla residenza di appartenenza che inevitabilmente cambierebbero se l’istituto passasse al comune di Mondolfo, fermo restando la possibilità di un accordo tra le due Amministarzioni”. Anche il discutibile iter che ha condotto alle consultazioni è stato esaminato con estrema precisione dalla consigliera regionale Elisabetta Foschi che ha posto l’accento sulla raccolta delle firme e sulla anomala accelerazione legislativa della procedura che ha condotto al referendum, “fissandolo oltretutto a ridosso delle prossime Amministrative”.

Il tema delle iniziative giovanili è stato trattato dall’assessore Luca Serfilippi il quale ha sentitamente invitato i giovani locali agli incontri della Consulta dei Giovani dove vengono coordinate le iniziative di scuole e associazioni giovanili di Fano, e ha apprezzato in modo particolare il lavoro svolto dal MAF. Interessante l’intervento dell’ex assessore Marco Paolini il quale ha posto l’accento su come l’unire le due porzioni di Marotta al comune di Mondolfo sia un progetto anacronistico, specialmente oggi quando molti comuni si uniscono per avere più forza e peso verso le istituzioni regionali e nazionali. Il segretario della lista civica “La Tua Fano“ Giacomo Mattioli ha chiuso gli interventi ribadendo che molti servizi (depuratore, acqua, raccolta differenziata, rete fognaria…) oggi presenti tra Torrette e Marotta sono il frutto di convenzioni con società tipo Aset Holding, di cui Mondolfo non è partecipe e rispetto alle quali dovrà trovare una non facile e sicuramente onerosa soluzione.

Complessivamente dall’incontro e dal dibattito è emerso come molti cittadini di Marotta di Fano siano fermamente convinti del NO al referendum del prossimo 9 marzo manifestando forti perplessità nei confronti della capacità operativa e di bilancio dell’Amministrazione mondolfese, a riguardo si invitano tutti gli assessori del Comune di Mondolfo ad esprimersi in merito mettendo a conoscenza i propri cittadini delle problematiche logistiche a cui andrebbero incontro e delle reali capacità funzionali dell’Amministrazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2014 alle 17:26 sul giornale del 01 marzo 2014 - 1048 letture

In questo articolo si parla di politica, Fano Unita, referendum marotta, referendum marotta unita, da Coordinamento Fano Unita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Zfg





logoEV
logoEV