Il candidato Sindaco Sanchioni interviene sulla viabilità

elezioni fano daniele sanchioni 3' di lettura Fano 19/02/2014 - E’ ormai assodato che la questione viabilità, dal dissesto delle strade alla pedonalizzazione del centro storico, dalle piste ciclabili alla futura realizzazione delle opere compensative legate alla terza corsia autostradale fino al secondo tratto dell’Interquartieri, sia uno degli argomenti più sentiti dalla cittadinanza.

Un argomento di cui il candidato a Sindaco Daniele Sanchioni si è interessato fin dai primi passi della sua campagna a capo della lista civica Prima Fano, dichiarando: “E’ fondamentale che Fano assuma i connotati di una Smart City attraverso una maggiore sostenibilità della vita in città e l’estensione della mobilità che non inquina. Piste ciclabili e sottopassi saranno una priorità, dal punto di vista urbanistico dovremo puntare sulla riqualificazione e ammodernamento del costruito evitando il consumo di nuovo suolo”. E prosegue: “Per migliorare il problema del traffico e dell’inquinamento occorre favorire l’uso della bicicletta, creando percorsi ciclabili in centro e nell’immediatezza di esso, reprimendo comportamenti di scorrettezza civica, come usare i percorsi ciclabili come parcheggio auto. Ma prima di tutto, prima di costruire nuovi percorsi, occorre assolutamente prendersi cura di quelli che abbiamo già in uso ed illuminare la pista ciclabile Fano-Pesaro, inutilizzabile nelle ore serali a causa dell’alta pericolosità come ci hanno dimostrato i fatti di cronaca”.

Di pari passo con l’implemento delle piste ciclabili, Daniele Sanchioni sta lavorando al fine di migliorare anche la vivibilità del centro storico attraverso una pedonalizzazione graduale, a partire dalla rimodulazione dei sensi unici. L’obiettivo è quello di allontanare il traffico dal cuore della città che, ad esclusione dei residenti, sarà chiuso al transito consentendo così ai pedoni di muoversi liberamente e soprattutto in piena sicurezza.

Domenica 9 febbraio il candidato a Sindaco ha preso parte alla visita guidata del secondo tratto dell’Interquartieri indetta dal Comitato “per una viabilità sostenibile” che ha ufficialmente presentato all’amministrazione vigente un decalogo ben definito di richieste da soddisfare. In quell’occasione Sanchioni si era espresso così: “La costruzione di nuove strade che portino alla decongestione del traffico cittadino, sono sempre un bene. Quello dell’interquartieri è un progetto nato nel 2001 e poi rivisto nel 2006. Oggi forse bisogna nuovamente aprire un dialogo con i cittadini e ascoltare le loro richieste per poi vedere cosa nei fatti è possibile fare. Sono dell’idea che sia possibile rendere più morbido l’impatto dell’interquartieri sul quartiere Poderino, restando consci del fatto che se vogliamo nuove arterie da qualche parte devono pur passare”.

Subito dopo il candidato di Uniti per Fano ha chiesto ulteriori garanzie all’Assessore ai Lavori Pubblici Mauro Falcioni ottenendo risposte importanti per i cittadini del quartiere Poderino: “Accoglieremo tutte le richieste del Comitato, aumenteremo il numero dei passaggi pedonali e sposteremo la pista ciclabile all’esterno delle barriere antirumore che saranno anche queste superiori al numero inizialmente previsto. Modificheremo la rotatoria per rendere l’impatto sul quartiere meno invasivo e inseriremo ulteriori piantumazioni nel progetto. Accogliamo anche la richiesta del limite dei 30 km/h avanzata dai residenti. L’unica richiesta che non possiamo accogliere è quella di non realizzare il tratto dell’interquartieri mancante. Abbiamo già versato 600.000 euro per i lavori e abbiamo tempo fino al 24 maggio del 2015 per portarli a termine altrimenti la Corte dei Conti ci chiederà un risarcimento”.

Sanchioni ha voluto anche verificare con l’Assessore ai Lavori Pubblici lo stato di avanzamento lavori per l’asfaltatura del manto stradale ormai martoriato dalle buche: “La manutenzione stradale – risponde Falcioni - è già partita ma se non abbiamo almeno tre giorni consecutivi senza pioggia è tutto lavoro inutile perché il cemento fresco non ha il tempo necessario a consolidarsi con il cemento sottostante”.


da Daniele Sanchioni
Candidato Sindaco coalizione 'Uniti per Fano'





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2014 alle 08:12 sul giornale del 20 febbraio 2014 - 1552 letture

In questo articolo si parla di fano, viabilità, politica, Daniele Sanchioni, candidato sindaco coalizione Uniti per Fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YIt


Oh, signor! A Fano è la pioggia che non fa mandar via le buche! Attenti fanesi ai primi tre giorni di sole: forse torneranno le zanzare ma certamente andranno via le buche!

Le promesse non costano niente ma i lavori si, dove pensate di prendere i soldini? Insomma mostrateci i bilanci, grazie.

Walter Canfora

20 febbraio, 12:34
Meglio tardi che mai: per migliorare il problema del traffico e dell'inquinamento occorrono investimenti per la mobilità sostenibile, costruendo una rete di piste ciclabili da poter muoversi con tutta sicurezza in bicicletta, ci sono sempre più incidenti di ciclisti investiti da auto per mancanza di piste ciclabili , a Pesaro per le bici ha fatto e sta facendo molto, Pesaro ha raggiunto 70 km di piste l'ultima opera il ponte per attraversare il Foglia 15 m e pista sono stati investiti 770.00 euro. Fano?




logoEV