Serfilippi: 'La centralina di via Montegrappa rimane a Fano'

1' di lettura Fano 18/02/2014 - La centralina per il rilevamento delle polveri sottili di Via Montegrappa rimane a Fano. In seguito alla possibilità di rimozione dell’apparecchio da parte della Regione, si è attivato l’assessore all’ambiente Luca Serfilippi, che ieri mattina si è recato in Regione.

Presenti all’incontro l’assessore regionale Malaspina, provinciale Porto, l'assessore del Comune di Pesaro Parasecoli ed i tecnici.

Serfilippi si è fatto portavoce della necessità di mantenere a Fano la centralina ed ha chiesto di farla rientrare all’interno della rete di centraline per il monitoraggio europeo. L’obiettivo principale, ovvero quello di mantenerla attiva a Fano, è stato raggiunto grazie ad un accordo di cofinanziamento in cui il Comune parteciperà con 8 mila euro e la Provincia con 4 mila. Si sta inoltre studiando una formula per mantenere la funzionalità del mezzo mobile di proprietà della Provincia, che in questi anni - grazie all’accordo di programma tra Arpam, Provincia, e diversi comuni - ha permesso di campionare le situazioni più a rischio di inquinamento.

Sono soddisfatto dell’obiettivo raggiunto – ha affermato Serfilippi – in quanto si tratta di un strumento importante per il rivelamento della qualità dell’aria. La soluzione trovata riguarda un periodo di 12 mesi a partire da novembre, data in cui termina l’appalto già in essere che la Regione ha con Arpam”.

Un ringraziamento da parte dell’assessore va a Provincia e al Comune di Pesaro che tramite gli assessori Porto e Parasecoli, si sono fatti portavoce di tale istanza.


da Luca Serfilippi
Assessore all'Ambiente Comune di Fano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2014 alle 10:53 sul giornale del 19 febbraio 2014 - 1282 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, fano, inquinamento, Luca Serfilippi, centralina via montegrappa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YFh


Ai rilievi fuori dei limiti convenzionati devono seguire opportune misure altrimenti non serve a niente. Anni scorsi si sono superati i giorni tollerati di superamento, ma poco e niente è stato fatto.
Ricordo che proprio di fonte c'è una scuola elementare e che nell'ora di uscita i limiti sono spesso 3-4 volte il limite.

Assessore, bene il mantenimento, ma se non si prendono provvedimenti seri e coraggiosi sulle "fonti" delle polveri sottili e le altre porcherie del genere, servono davvero poco le misurazioni postume...
Sarebbe come fare l'analisi dell'acqua del rubinetto dopo averci lavato le mani, i piedi, e qualcos'altro.
Comunque, ha fatto bene a richiedere ed ottenere il mantenimento. Ed ora, alé!, facciamo qualcosa per combattere le falefiche polveri, allontanando da subito il traffico dal centro... e non solo.

Pana, fosse l'acqua, chi può, berrebbe acqua minerale.
Per l'aria per alleviare il danno bisognerebbe andare in giro con la mascherina. Immaginate i bimbi della scuola sempre con la mascherina? Ricordo che un pneumologodi Fano ebbe a dire che non gli serviva leggere i dati della centralina gli bastava vedere il n° di cittadini che ricorrevano alle cure..




logoEV