Aeroporto di Fano, interviene Cavallini

2' di lettura Fano 12/02/2014 - Recentemente assistiamo su giornali di Fano a una disputa sull'aeroporto che esalta solo elementi secondari o peggio diffonde vera e propria disinformazione.

Il problema se mi permettete è assai piu vasto: in questo momento di recessione in realtà l'aeroporto (tranne forse l'attività dei paracadutisti che probabilmente è in attivo) è in realtà, vista la crisi del settore, in perdita, la cosa non è visibile a causa di insufficiente trasparenza dei conti, ma la realtà è che non c'è semplicemente l'utenza per sostenere onestamente i costi. Anche il fallimento di ogni attività realmente commerciale sull'aeroporto di fano (aerotaxi fattibile anche con pista in erba) ha dimostrato che un aeroporto come quello di Fano inserito tra due grandi aeroporti gia in forte difficoltà (Ancona e Rimini) non ha semplicemente utenza commerciale "classica" necessaria!

Se interessa qualcosa di veramente concreto propongo come presidente dell'ass. IL GABBIANO un piano integrato piu lungimirante, riassumibile in estrema sintesi nei seguenti punti:
- Realizzazione del parco urbano e contemporaneo declassamento dell'aeroporto in aviosuperfice omologata (abbattimento notevole dei costi senza perdita di funzionalità).
- Conversione della società di gestione dell'aeroporto con uscita di camera di commercio e Provincia (non hanno piu senso senza velleita da aeroporto commerciale mai realizzabili) e controllo diretto del comune.
- Riprogettazione totale in chiave di attività turistica non commerciale ma da diporto, il tutto è indifferente se con o senza pista in asfalto.
Inoltre il declassamento in aviosuperficie toglierebbe un sacco di vincoli burocratici per cui diventerebbe possibile utilizzare gli spazi dell'ex aeroporto anche per altre attività sociali (come nuove start-up di disoccupati e nuovi poveri) oggi quantomai necessarie. Non si dirà che non si è propositivi... ma quanto ascoltati? Vedremo...

Vi mando il link al progetto integrato gia presentato al comune nel lontano 2008 e che mai ha avuto nemmeno una risposta: http://ilgabbiano.forumattivo.com/t21-la-proposta-di-sviluppo-alternativo-dell-aeroporto-di-fano-che-valorizza-il-vds


da Ermanno Cavallini
Presidente associazione Il Gabbiano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-02-2014 alle 13:07 sul giornale del 13 febbraio 2014 - 1249 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, aeroporto, associazione il gabbiano, Ermanno Cavallini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Yof


Mi sembrano delle proposte ragionevoli, di un esperto, da prendere seriamente in esame. da quello che si legge nei giornali i piccoli aeroporti sono tutti in serie difficoltà, ed anche la stessa ENAC.
Pertanto perché avventurarsi in simili spese quando c'è ne sono di più promettenti, come lo stesso porto ora inagibile.

Vorrei chiarire a proposito dell'articolo uscito che quand parlo di "disinformazione" mi riferisco al fatto che parlare di "messa in sicurezza" è scorretto inquanto questa si limiterebbe tecnicamente al solo rifacimento del manto erboso con costo nell'ordine dei 100.000 euro , invece con questo termine si vuol far passare una profonda trasformazione della natura della pista che passa da erba a asfalto, cambiando di fatto di categoria e non solo facendo opera di manutenzione ( costo della pista in asfalto circa 2 milioni di euro co qunidi 20 volte superiore) senza parlare poi delle "opere accessorie" .

massimo ceresani

15 febbraio, 09:58
L'intervento di Cavallini mi sembra molto azzeccato e pragmatico.
E' ora di smettere di sognare e di fare voli... pindarici; è ora di smettere di ascoltare "carlonate" in funione esclusiva di atterraggi da jets. Di questi tempi la MUCCA (che si chiami Comune o Provincia o Camera di Commercio) è prosciugata e non dà più latte. Se deve dare qualche goccia, meglio riversarla su servizi più socialmente essenziali.




logoEV