Aeroporto di Fano, Omiccioli: 'Sfida ad alta quota'

1' di lettura Fano 08/02/2014 - Per l’ennesima volta, dopo una nostra accusa politica di mala gestione dei soldi pubblici, non rispondono i responsabili ma i beneficiari.

Le nostre considerazioni non sono illazioni ma fatti concreti, che vorremmo dimostrare anche all’Amministratore Unico della Società Partecipata Fanum Fortunae, se sarà disponibile ad anticipare la sua conferenza stampa nella mattinata di giovedì 13 febbraio o posticiparla nel primo pomeriggio di venerdì 14. Purtroppo per motivi di lavoro, non possiamo essere presenti nell’orario indicato originariamente dalla Fanum Fortunae. Vorremmo aderire volentieri all’appuntamento, per confermare e ribadire le nostre tesi con i documenti in possesso, auspicando anche la presenza dell’Amministrazione comunale.

La nostra intenzione non è quella di voler far chiudere l’aeroporto o eliminare l’attività privata che si svolge al suo interno. Il nostro scopo, lo ha dimostrato il fatto che il Sindaco ci ha dato ragione sulla questione canoni non riscossi dal Comune, è quello di arrivare a una amministrazione trasparente e oculata dei soldi pubblici e ad una gestione dell’aeroporto secondo regolamenti e nell’interesse comune dei cittadini. Per questo un incontro tra le parti, nelle date richieste, sarebbe un’ottima occasione per chiarire tutti gli aspetti emersi in questi giorni. Attendiamo fiduciosi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2014 alle 09:58 sul giornale del 10 febbraio 2014 - 1118 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, Hadar Omiccioli, fano a cinque stelle, fanum fortunae, gianluca santorelli, conferenza aeroporto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Ybr





logoEV