Elezioni amministrative 2014: Sinistra Unita verso le primarie di coalizione

Samuele Mascarin: Sinistra Unita 3' di lettura Fano 09/11/2013 - Sinistra Unita riflette sugli ultimi sviluppi della politica fanese, che vedono l'uscita dal Pd di Luca Stefanelli, il passaggio di Oretta Ciancamerla e Daniele Sanchioni dal centrosinistra al centrodestra, ed il proliferare di liste civiche come la recente "La rinascita di Fano" di Michele Silverstri.

Al riguardo, Teodosio Auspici commenta: "Alcune persone hanno levato la maschera. Scelte del genere non si prendono dall'oggi al domani, e ciò chiarisce il perché di certi comportamenti in consiglio comunale". Auspici parla di personalismi e accordi non alla luce del sole, i quali non fanno che alimentare l'astensionismo e il senso di repulsione verso la politica da parte dei cittadini. "Ho parlato con tante persone in città ed il sentimento condiviso si riassume in un'unica parola: vergogna". In riferimento ad Aguzzi, che sembra aver accolto la candidatura di Sanchioni a sindaco della coalizione di centrodestra "Uniti per Fano", Sinistra Unita lo definisce l'unico modo per riproporre una truffa ai danni dei cittadini fanesi, come già accaduto dieci anni fa.

"In merito alle pagine sconce delle ultime settimane, che confermano il basso livello di certa politica fanese, non posso che esprimere un giudizio severo e rigoroso. E' uno schifo!" commenta Samuele Mascarin, candidato sindaco di Sinistra Unita, che al riguardo usa parole piuttosto forti e si schiera contro i giochi di potere ed i tatticismo del centrodestra. L'idea di città che Sinistra Unita propone non è solo "altra", ma la negazione di tutto ciò. "Non dobbiamo essere una fotocopia sbiadita del centrodestra, dobbiamo riscrivere una pagina nuova della politica fanese".

Nei giorni scorsi il cantiere aperto di Sinistra Unita si è confrontato anche con gli altri gruppi del centrosinistra, l'obiettivo è arrivare ad un'alleanza ampia e coesa per vincere le prossime elezioni amministrative. "Pensare ad accordi a tavolino sarebbe un suicidio, serve un progetto ed un programma forte che accompagni la città fuori dalla crisi che l'ha travolta". Mascarin ricorda che la città sta male, a Fano il tasso di disoccupazione e povertà è il più alto di tutte le Marche. "Va messa in campo un'idea diversa di città, con il riconoscimento di tutti i cittadini". Per questo Sinistra Unita ritiene le primarie un passaggio democratico necessario, senza il quale non è possibile costituire un'alleanza forte in gardo di vincere. "In campo ci sono persone valide e capaci - il riferimento è a Stefano Marchegiani del Partito Democratico e a Massimo Seri, candidato sindaco della lista civica “Noi Città, Seri per Fano” - che devono essere pronte a confrontarsi con gli elettori. I tempi per fare le primarie ci sono ma non so se c'è la volontà politica". Secondo Samuele Mascarin l'unico modo per non ripetere l'ennesima sconfitta e vincere le elezioni amministrative del 2014 è passare per le primarie di coalizione, aperte a tutti gli elettori del centrosinistra. "Se Seri e Marchegiani hanno il consenso dei cittadini sapranno dimostrarlo anche con le primarie" conclude Mascarin.






Questo è un articolo pubblicato il 09-11-2013 alle 14:01 sul giornale del 11 novembre 2013 - 1588 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, samuele mascarin, sinistra unita, teodosio auspici, news, notizie fano, ultim'ora, Sabrina Giovanelli, Primarie del centrosinistra, elezioni amministrative 2014 fano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Ufi





logoEV