Nuova viabilità in centro, Paolini: 'Roba da settimana enigmistica..'

luca paolini 2' di lettura Fano 04/09/2013 - "Abbiamo partecipato alla riunione sulla nuova viabilità con l'assessore Silvestri, il Comandante Fuligno e molti cittadini, ispirata dalla dalla volontà di “ridurre gli accessi” al Centro, per meglio vigilare, con telecamere, chi entra senza averne diritto" dichiara il segretario regionale della Lega Nord "ma, come spesso accade in Italia, si passa da un eccesso all'altro. Da oltre 30 accessi a...6, con la creazione di 6 “sottozone” che sembrano ispirate direttamente da certi giochi della Settimana Enigmistica!"

La soluzione proposta, con tutto rispetto per gli ingegneri e dirigenti che l'hanno studiata (ma, si sa, i “tecnici” attaccano l'asino al carro che gli indicano i “politici”...) a noi, ma a molti altri, appare cervellotica, inutilmente afflittiva per alcuni, e, in taluni aspetti, manifestamente illogica ed incomprensibile. Manca, e l'ho scritto qualche giorno fa, una scelta di fondo: centro “chiuso” o “aperto”? Se “chiuso”, però, sia chiuso per tutti, e non solo per alcuni. Ma è un'altra questione. Ci sarebbero molte osservazioni da fare, talune già sentite, ma passiamo alla proposta che è quella che interessa i cittadini.
Ho suggerito ieri di adottare il sistema vigente a Roma, dove, in certi orari e facendo certi percorsi, si arriva, anche senza permesso alcuno, nel cuore della capitale: Palazzo Chigi, P.zza Barberini, Ministero degli Interni, solo per dirne alcuni. Come? Con il sistema dei “varchi attivi” o “non attivi” che è quello che proponiamo per Fano, visto che non occorre, ogni volta, inventare l'acqua calda. Basta installare telecamere con sotto, un display che informa, chiaramente ed immediatamente, il cittadino, se, in quel momento, di lì si può transitare o no. Se transiti quando il “varco è attivo”, e non hai il permesso, la multa a casa è certa !
I vantaggi sono molti ed evidenti. Tra essi: 1) dinamicità – e non staticità – della viabilità: la puoi riprogrammare a costo zero ed in tempo reale con un “click”, mutando giorni e ore, senza dovere, ogni volta, modificare la segnaletica; 2) riduzione al minimo della “afflittività” per chi, nel centro, deve vivere e/o lavorare; 3) modularità: il sistema può "svilupparsi" nel tempo, aggiungendo altre telecamere per meglio modulare il traffico 4) riduzione drastica di burocrazia, e relativi costi e tempi, per chiedere permessi di accesso temporanei.
A questo punto, e con questo sistema, non dico di tenere 30 accessi, ma 10-15 si, in modo da evitare allungamenti di percorso per tornare a casa fino a 2 chilometri, come emerso ieri e spalmare il traffico su più direttrici! E le fioriere, caro Assessore, che sono belle, usiamole per altro, e, soprattutto, non piazziamole solo in certi posti, ben precisi, in base a criteri che definire singolari è un eufemismo.

da Luca Paolini
segretario regionale Lega Nord







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-09-2013 alle 13:43 sul giornale del 05 settembre 2013 - 1187 letture

In questo articolo si parla di politica, Luca Paolini, viabilità centro storico fano, ztl roma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Ri4





logoEV
logoEV