Paolini: 'Il centro di Fano non deve morire'

luca paolini 3' di lettura Fano 30/08/2013 - Il segretario regionale Lega Nord Marche interviene sulla chiusura di molti esercizi commerciali in centro storico.

L'analisi di Capecchi è corretta e pragmatica. Le cause della perdita di "appeal" del centro storico come luogo anche di commercio di qualità sono esattamente quelle che ha detto. Il punto è che fare. Secondo noi, i commercianti del centro, ma non solo loro, devono decidere, come ha detto l'amico Doglioni in una loro assemblea se vogliono un centro moderno, o un suk dove non si segue alcuna linea di azione strategica ma dove tutto capita a casaccio: qui un divieto in più, là un senso unico in meno, qui 3 posti auto in più, là una fioriera in meno... Le analisi non si fanno sui giornali, ma in riunioni apposite. Però qualche proposta ci sentiamo di farla. Non è Vangelo ma solo spunto di ragionamento.

a) la storia va verso centri storici sempre più “pedonalizzati”: perchè non ragionare su come far “fruttare” questa apparente limitazione di accesso? Lo fanno ovunque in Europa...si può fare anche qui;
b) la concorrenza degli outlet, supermercati e simili non la batti consentendo di andare in auto per Corso Matteotti, ma valorizzando il “luogo” centro città: deve essere facile ed economico arrivare al suo limite;
c) anche i predetti iniziano a patire la concorrenza dell'acquisto su internet, che anche per loro comporterà qualche problema, a breve-medio periodo: se giochi solo sul prezzo e non sul servizio e la qualità...Internet non la batte nessuno!
d) la sfida dei prezzi si può combattere, oltre che con qualità e servizio, anche con l'aiuto del Comune (o altri) per abbattere i "costi aggiuntivi" - vero elemento di distorsione della concorrenza - di tenere aperta una attività in centro. Oppure procurando, all'utente, altre “facilità” per riequilibrare la partita con i grandi centri commerciali. . Ad. es. : riduzioni IMU e/o TARSU o la (futura) “SERVICE TAX" per le attività del centro, riconoscendo il loro" valore aggiunto" di “elemento vivificante” della città e della sua storia, capace, tra l'altro, di per sè, di generare altro valore aggiunto; parcheggi a costo zero o con formule di rimborso sotto forma di sgravi vari; servizio di noleggio bici, per il centro storico, come a Roma; biglietti a prezzi ridotti o "a punti" per teatri, cinema, locali vari...compri e ceni in centro, spendendo meno ; favorendo sinergie tra attivtà diverse ecc.
e) Investire nell'arredo e decoro urbano: deve tornare ad essere “bello”, per i giovanissimi, darsi appuntamento “al Gabuccini” o al “Pino Bar” o alla “Funtana in piasa” piuttosto che al Centro Commerciale;

Abbiamo anche altre idee, che qui, per brevitàa e per evitare “scoppiazzature” non esponiamo su cui saremmo contenti di confrontarci con le persone e le categorie, anche in previsione, come penso sia evidente, di qualche forma di collaborazione in occasione delle prossime elezioni amministrative


da Luca Paolini
segretario regionale Lega Nord





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2013 alle 17:50 sul giornale del 31 agosto 2013 - 1514 letture

In questo articolo si parla di politica, lega nord marche, centro storico fano, Luca Paolini, chiusura negozi fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/RaF





logoEV
logoEV