SEI IN > VIVERE FANO >

L'appello di Confcommercio: 'Lavorare uniti per incentivare il turismo culturale'

2' di lettura
659

confcommercio

"Che la mostra di Guido Reni organizzata dalla Fondazione sia un bella mostra non siamo all’altezza di giudicarlo. Se poi la vogliamo valutare come un evento capace di attirare turismo e risolvere i problemi dell’economia e dell’occupazione, proprio no!" commenta in una nota alla stampa la Confcommercio di Fano.

La nostra provincialità è tale che ci fa apparire di valore assoluto sia in termini culturali che addirittura economici le poche cose rispettabili che si fanno per Fano. La mostra del Reni è una buona mostra locale ma si pecca di presunzione volerla vedere come una panacea per tutti i mali economici e culturali che affliggono la città. Se così fosse sarebbe una presa in giro, e chi la difende con questi presupposti è incline alla piaggeria in uso da tempo verso la Fondazione CariFano dovuta a chi la ritiene potente solo perché ha tanti soldi e per giunta non suoi.

La Confcommercio applausi a prescindere non né fa. Non abbiamo la competenza per giudicare il valore artistico intrinseco ma quando la sacralità dell’Art pour l’Art di Gautieriana memoria sconfina nel più profano turismo (che è mera funzione economica), senza trovare riscontri positivi, ci sentiamo in dovere di stigmatizzare comportamenti e smascherare false affermazioni. In questi tempi di scarse risorse per le Amministrazioni Pubbliche ci domandiamo perché non si segua una politica rivolta al turismo culturale progettando assieme; Fondazione, Comune, Istituzioni Religiose, Associazioni, Enti culturali, privati. Troppo difficile? Oppure il nostro provincialismo ci divide e ci arrocca in fazioni e tifoserie. Forse la Fano Medioevale, ognuno nella sua torre e tutti divisi dentro le mura cittadine, ci perseguita ancora. E’ il retaggio tribale che ci vede divisi, Comune, Enti, Sovrintendenze, liste, partiti e associazioni. A questa Fano chiediamo di guardare avanti, di lavorare in rete, di ascoltare la gente e ad ognuno di rinunciare a qualcosa. “Voltati Eugenio!” citando il film di Luigi Comencini.



confcommercio

Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2013 alle 15:45 sul giornale del 10 agosto 2013 - 659 letture