SEI IN > VIVERE FANO > POLITICA
comunicato stampa

Mondolfo, Barbieri e Diotallevi: 'Che fine ha fatto il piano antenne?'

2' di lettura
683

lista civica per cambiare
La lista civica “Per cambiare” chiede al sindaco l'approvazione del piano antenne per salvaguardare la salute dei cittadini ed impedire l'installazione selvaggia.

“Bisogna approvare il piano antenne!” Lo chiedono all’amministrazione comunale, attraverso un’interpellanza, i consiglieri della lista civica “Per cambiare” Carlo Diotallevi e Nicola Barbieri. Diotallevi nel settembre 2011 aveva presentato un ordine del giorno, approvato all’unanimità, che impegnava sindaco e giunta, al fine di salvaguardare la salute dei cittadini e impedire l’installazione “selvaggia” di antenne nei pressi di scuole, centri abitati o in luoghi ad alto valore paesaggistico, di dotarsi quanto prima di un piano antenne. Ciò per individuare i siti più idonei per la localizzazione di nuovi impianti per la telefonia che minimizzino l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

“Non passa mese – spiega Diotallevi - che in Comune non arrivi una richiesta per l’istallazione di una nuova antenna per la telefonia mobile o altro. Ed anche nell’ultimo periodo sono arrivate nuove domande. Occorre regolamentare urgentemente la situazione. Il consiglio comunale aveva votato all'unanimità un mio ordine del giorno che chiedeva di approvare, come da legge regionale, un piano antenne ma dopo un anno e mezzo ancora non abbiamo notizie in merito mentre quasi tutti i Comuni ne hanno adottato uno. La materia è complessa perchè purtroppo una legge nazionale del 2003 ha parificato le antenne alle opere di pubblica utilità e a quelle di urbanizzazione primaria togliendo di fatto ai Comuni molti poteri di regolamentazione. Ma ci sono altre leggi e sentenze che affermano chiaramente che il Comune può redigere un piano antenne volto a limitare, sempre nel rispetto della decreto legislativo 259 del 2003, l’istallazione delle stesse in alcune zone del territorio come nei pressi delle scuole. Quindi il piano antenne si può e si deve fare per tutelare la salute dei cittadini”.

Infine la richiesta: “Al sindaco e all’assessore all’ambiente – conclude il capogruppo consiliare Diotallevi - chiediamo di relazionare in merito alle intenzioni dell’amministrazione di adottare, come da delibera del consiglio comunale, il piano antenne ed in quali tempi”.



lista civica per cambiare

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2013 alle 15:05 sul giornale del 02 febbraio 2013 - 683 letture