x

Lavori A14: il PD interviene sulle opere compensative per la terza corsia

Cristian Fanesi (Pd) presenta due mozioni 2' di lettura Fano 25/09/2012 - Martedì 25 settembre, nella sede del PD di Fano, il Segretario e Consigliere Comunale Cristian Fanesi, il Coordinatore del Circolo PD San Lazzaro-Vallato Luigi Paolinelli e Mario D'Agata, hanno presentato due mozioni relative alle opere compensative alla realizzazione della terza corsia dell’A14.

"Non intendiamo sollevare polemiche ma trovare soluzioni per una più opportuna progettazione del collegamento tra lo svincolo esistente (l'attuale casello dell'autostrada A14) e la bretella Fano Sud. Il Consiglio Comunale ha approvato il progetto definitivo per le opere compensative relative all'ampliamento alla terza corsia del tratto Rimini Nord-Pedaso. Ora l'iter sta proseguendo in Regione" - spiega Fanesi - "Dopo un attento studio sulle opere compensative, abbiamo deciso di presentare due mozioni distinte, con l'obiettivo di migliorare la progettazione e la viabilità urbana".

"Nell'attuale PRG sono previste quattro nuove rotatorie a Fano ma quello che manca è un collegamento diretto tra lo svincolo del casello dell'A14 e via Mattei. Problema che potrebbe essere risolto, ad esempio, mediante la realizzazione di una doppia corsia. In questo modo, si potrebbe oltrepassare Canale Albani, raggiungere via Papiria, la zona dell'ex-zuccherificio e procedere così verso Marotta, senza coinvolgere eccessivamente le rotatorie dei quartieri di Vallato, San Lazzaro e S.Orso già piuttosto congestionate dal traffico. Quindi, attraverso questa mozione chiediamo che tale progetto torni in Consiglio Comunale" afferma Cristian Fanesi.

"La seconda mozione invece riguarda il progetto preliminare di riforestazione e relative cure colturali che la società autostrade ha predisposto per il Comune di Fano, con una spesa di circa 500 mila euro. L'obiettivo del progetto è combattere l'inquinamento mediante piantumazione. Tre sono le aree della città interessate: 8,68 ettari nella zona Belgatto, 3 ettari in zona Tomabccia e 2 ettari a Monteschiantello, vicino alla zona di tiro a volo".

"Si tratta indubbiamente di un bel progetto" - continua Fanesi - "ma perché non coinvolgere anche le aree di disponibilità del Comune di Fano al campo d'aviazione e nei quartieri Vallato e San Lazzaro? Alcuni anni fa, proprio in quella zona, l'amministrazione comunale coinvolse la cittadinanza nella progettazione partecipata del 'Parco Urbano', sul quale, tra l'altro, c'è tuttora una mozione di Luciano Benini. Quello che chiediamo è di modificare il piano di riforestazione e di sfruttare il progetto esistente al fine di realizzare un parco urbano limitrofo al complesso delle opere compensative, in tempi rapidi e a costo zero".












logoEV
logoEV