x

Elisabetta Foschi e Stefano Aguzzi finalmente sposi!

Matrimonio Aguzzi Foschi 2' di lettura Fano 22/09/2012 - Leggeri petali di rose bianche, settembrini alberi di viti e grappoli d'uva, tulle bianco ad incorniciare l'ingresso: l'ex Chiesa di San Francesco attendeva così nel loro grande giorno l'arrivo degli sposi Elisabetta Foschi e Stefano Aguzzi.

L'atmosfera è quella delle grandi occasioni: addobbi sofisticati, tante persone all'ingresso e una cornice da favola. Mascherava l'ansia dell'attesa il Sindaco di Fano in elegantissimo abito grigio scuro che scherzava con gli ospiti e il numeroso pubblico intervenuto spontaneamente per assistere a quello che è stato definito il "matrimonio dell'anno".

Con leggero ritardo, come vuole la tradizione, la sposa è arrivata a bordo di un maggiolone cabriolet nero: una nuvola bianca di tulle con un corpetto in pizzo abbottonato sulla schiena e arricchito in vita da una fascia di raso grigio rendevano il vestito prinicipesco e raffinato. Una semplicità che si riscontrava nell'acconciatura raccolta e senza ornamenti. Famigliari, politici, amici e anche tanti giornalisti hanno assistito all'ingresso della sposa verso l'altare accompagnato dal suono di un'arpa.

E' stato Francesco Cavalieri, emozionato presidente del consiglio comunale giunto in chiesa a bordo della propria bici, a celebrare il rito civile: una cerimonia classica ma intervallata dai messaggi di auguri e affetto che gli amici di vita e politica hanno voluto regalare agli sposi. Dopo il commovente intervento della testimone della sposa, è stata Maria Antonia Cucuzza a prendere la parola ricordardando l'affetto di Aguzzi per i figli, la famiglia e per la sua città: "semplicità, spontaneità e un innato istinto di comprendere l'essenza della vita" questo, secondo il vice sindaco, accomuna i due sposi caratterizzando il loro modo di essere negli impegni pubblici e privati. E spontanee e sentite sono state davvero le promesse che gli sposi si sono scambiati l'un l'altra: un reciproco impegno a sostenersi, amarsi e rendersi felici. Dopo lo scambio delle fedi, momento intenso sottolineato dal fragoroso appaluso dei presenti, anche Francesco Cavalieri ha voluto portare il suo personalissimo pensiero. "Eravamo insieme, tutto il resto del tempo l'ho dimenticato", la celebre frase di Walt Whitman ha concluso un messaggio di auguri fatto di anedotti personali e impreziosito da pensieri dei poeti De Crescenzo, Jacques Prévert e Romano Battaglia.

Sulle note di una dolcissima "Alleluja" nella versione di Jeff Buckley arrangiata da un trio d'arpa, violino e viola, i due sposi si sono abbracciati e rivolti sorridenti verso il pubblico prima di lasciare la chiesa sotto una fitta pioggia di coriandoli bianchi.








Questo è un articolo pubblicato il 22-09-2012 alle 18:01 sul giornale del 24 settembre 2012 - 3737 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, stefano aguzzi, Elena Serrano, matrimonio, elisabetta foschi, alberto bartozzi, Sabrina Giovanelli, stefano aguzzi ed elisabetta foschi, matrimonio a fano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/D8L





logoEV
logoEV