Albanese adesca 15enne. Arrestato dai Carabinieri in un giardino pubblico

Violenza sui minori 2' di lettura Fano 01/09/2012 - Arrestato per tentata violenza sessuale su minore un operaio albanese di 36 anni, reo di aver adescato un ragazzino fanese di appena 15 anni.

L'uomo è stato individuato dai Carabinieri di Fano mentre si trovava in un giardinetto pubblico appena fuori Fano, in attesa di incontrare il piccolo "amante".

Il ragazzino era stato fermato dallo straniero nei pressi del Lido, e dopo una breve chiaccherata conoscitiva, in cambio di rapporti sessuali gli ha proposto del denaro in regalo.
Il 15enne, stranito dalla richiesta, ha immediatamente raccontato dettagliatamente la proposta ai suoi amici, uno dei quali avrebbe riferito tutto ai propri genitori.
La notizia è arrivata quindi al Comando dei Carabinieri di Fano che hanno minuziosamente preparato l'operazione per trarre in inganno il 36enne pedofilo nei giardinetti prefissati come luogo d'incontro con il ragazzino.

Non è la prima volta che l'uomo si avvicina così morbosamente a dei bambini, e la sua perversione lo ha condotto già in carcere nel 2010: a pagarne le spese in quell'episodio erano stati due bambini di 12 anni, su cui però aveva fatto in tempo ad "allungare la mani".

Ora l'operaio è in carcere con l'accusa di tentata violenza sessuale e mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice: per l'addescamento del 2010 infatti, fu emessa per lui una misura cautelare di divieto di recarsi nel Comune di Fano dove, nel giardinetto teatro dell'arresto di ieri, aveva abusato dei due 12enni.
All'accusa si aggiunge anche quella di abbandono di persone minori o incapaci: l'uomo infatti, sposato e padre di un bambino di 5 anni, ha lasciato il piccolo da solo in casa per andare ad incontrare il 15enne.






Questo è un articolo pubblicato il 01-09-2012 alle 11:26 sul giornale del 03 settembre 2012 - 631 letture

In questo articolo si parla di cronaca, violenza, minori, Laura Congiu

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/DmO