Il dopo-scuola della Padalino

1' di lettura Fano 14/11/2011 -

Anche su questo stesso portale è stato dato largo spazio agli interventi con note e articoli sul “Piano di dimensionamento scolastico” a Fano. Per quello che riguarda specificatamente la scuola Padalino, intitolata a Giovanni Padalino (“el dutor di purèt”), è da ricordare la bella”lettera aperta” della Professoressa Maria Elda Padalino, nipote del “Medic”.



L’insegnante, in merito all’eventuale diversa destinazione d’uso di quel sito scolastico, fra l’altro scrive: “Fano è tuttora un vivace centro culturale. Anche per Fano, come per l’Italia intera, investire nello sviluppo vuol dire mantenere la memoria storica e l’identità culturale, invece di consegnare la città in mano alla speculazione edilizia”. Qui, anche come modesto segno di gratitudine nei confronti dell’illustre concittadina che ha voluto far sentire la sua voce, ecco una foto-medaglia… di circostanza.








Questa è una vignetta pubblicata il 14-11-2011 alle 18:58 sul giornale del 15 novembre 2011 - 1846 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, Giorgio Panaroni, vignetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rEJ


"E' tonda va ben per fa un forne d'na pizzeria" "Quaion i sold han da girà"

Tero, perchè no l'Ospedale unico? E' troppo piccola? Ma se si tagliano altri posti letto...
Gp.