Camionisti ad Ancona contro i blocchi Pm10, Solazzi congela tutto fino a novembre

CNA - Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa 2' di lettura Fano 25/10/2011 -

Settanta imprese dell’autotrasporto; una ventina delle quali provenienti da Pesaro. Tutte ad Ancona, senza Tir, per protestare contro le misure di contenimento delle PM 10 che impongono blocchi ai mezzi Euro3 ed Euro4.



La delegazione di camionisti pesaresi, guidata da Riccardo Battisti e Michele Tonelli, rispettivamente responsabili delle associazioni CNA-Fita e Confartigianato trasporti è stata ricevuta martedì mattina dal presidente del Consiglio regionale, Vittoriano Solazzi, dall’Assessore all’ambiente Donati e dal responsabile del servizio ambiente Minetti della Regione Marche. I camionisti hanno portato la loro protesta nel capoluogo contro l’estensione della proposta di blocco della Regione Marche che, se applicata, nella nostra provincia impedirà la circolazione per il 90% dei mezzi pesanti su molte arterie di collegamento tra le quali la Statale 16 Adriatica, la Ss Urbinate, la Montelabbatese, la Fogliense, la Cesanense in prossimità dei centri abitati e delle zone industriali. “Abbiamo esposto a Solazzi le nostre osservazioni – commenta Riccardo Battisti – ed il presidente del Consiglio regionale, di comune accordo con l’assessore, si è detto disponibile a ridiscutere la questione sulla base delle osservazioni della categoria. In particolare Solazzi ha congelato il provvedimento e rinviato ogni decisione in merito in merito all’Accordo di Programma sulle misure di contenimento delle PM10, predisposto dalla Regione Marche.

Il presidente del Consiglio ha indicato una data, quella del 9 novembre, giorno nel quale si riuniranno le Commissioni consiliari. In quella sede, e dopo i pareri sulla questione dell’Anci (l’Associazione dei Comuni) e dei tecnici, potrebbero essere rivisti gli attuali parametri sulle polveri sottili”. Per CNA-Fita e Confartigianato, si tratta di un primo concreto risultato che intanto scongiura un provvedimento che rischiava di portare al blocco totale di merci (alimentari, generi di prima necessità, carburanti, etc.) La nuova bozza predisposta dalla Regione, pur contenendo significativi miglioramenti rispetto alla stesura iniziale, che ha accolto positivamente alcune proposte ed osservazioni avanzate unitariamente da CNA e CGIA, allo stato attuale contiene infatti un inasprimento delle misure volte a colpire in primo luogo il traffico commerciale, che rischiano di avere effetti pesantissimi sull’economia ed in particolare sul mondo del trasporto merci che sta vivendo da anni una crisi devastante.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-10-2011 alle 16:54 sul giornale del 26 ottobre 2011 - 364 letture

In questo articolo si parla di attualità, artigianato, cna, autotrasporto, pm 10

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qQW





logoEV
logoEV
logoEV