SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Mondolfo: Canicattì (Psi), 'Protrarre la chiusura del dispensario farmaceutico'

2' di lettura
540

Giuseppe Canicattì

Il Segretario Comunale del P.S.I di Mondolfo e Marotta, nonché Consigliere di maggioranza Giuseppe Canicattì, facendosi portavoce di buona parte di cittadini residenti in questa frazione di Piano Marina,lancia un accorato appello al Sindaco Pietro Cavallo ed alla Giunta Comunale, affinchè venga esaminata la possibilità, nel rispetto delle legge in materia e sentito il parere dei proprietari della farmacia Fumarola di Marotta, di poter protrarre, più il la di almeno tre mesi, la chiusura di quel dispensario farmaceutico che, altrimenti, alla fine del corrente mese chiuderà i battenti come ogni anno.

A tal proposito, dal momento che il dispensario verrà chiuso, gli abitanti della popolosa frazione, specialmente quelli più a sud della stessa, per potersi recare in farmacia a Marotta dovranno necessariamente percorrere 3 chilometri e, non solo, quando la stessa rimarrà chiusa per ferie od altro, ne dovranno percorre ben 5 di Km. per giungere alla farmacia Comunale sita a Marotta di Fano. Da qui si capisce bene che molti di loro essendo anziani e, in alcuni casi privi anche di autovettura, diventerebbe problematico,specialmente d’inverno, spostarsi in bicicletta attraversare e percorrere la pericolosissima statale 16.

I cittadini residenti nella frazione, che sono oltre duemila, già anni addietro interessarono, facendone espressa richiesta, la prima volta, l’allora Comitato di Quartiere durante la Amministrazione Solazzi e successivamente quello insediatosi durante l’ Amministrazione Cavallo che, grazie alle mutate condizioni di legge ed alla favorevole disponibilità di quegli Amministratori, riuscì nell’intento. Difatti il dispensario venne inaugurato tre anni fa rimanendo aperto per circa 4 mesi, il secondo anno per 7 mesi, esattamente da aprile ad ottobre e quest’anno, come di consueto, chiuderà a fine mese, salvo che, la richiesta venga accolta favorevolmente.



Giuseppe Canicattì

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-10-2011 alle 19:21 sul giornale del 24 ottobre 2011 - 540 letture