Dismissione della linea Fano-Urbino, Tosi: 'Realismo e buon senso'

ferrovia 2' di lettura Fano 20/10/2011 -

Realismo e buon senso hanno finalmente suggerito alla Regione Marche di avviare la dismissione di una linea ferroviaria, la Fano Urbino, che di fatto era chiusa da 25 anni. Si può quindi ben dire che si tratta di una decisione oltre che opportuna anche molto meditata.
 



Decisione che ha anche il merito di favorire una soluzione razionale; infatti, realizzando una pista ciclabile non solo si preserva per il futuro un bene prezioso, cioè il sedime della vecchia ferrovia, ma si migliorano qualità della vita e offerta turistica, non si consuma altro territorio e soprattutto si presta la dovuta attenzione ad un mezzo di trasporto ecologico che nei percorsi brevi può benissimo sostituire automobili e motorini, come ci insegnano i paesi evoluti, Olanda e Germania in testa.

Si pone fine quindi ad una situazione di immobilismo che per decenni ha favorito il degrado e l’accaparramento di spazi pubblici che ora potranno essere recuperati come via verde di collegamento tra la costa ed un entroterra con grandi potenzialità di sviluppo economico, come si è già verificato in tantissimi casi e avverrà tra poco anche nella Poggibonsi - Colle Val d’Elsa, una tratta con molti punti in comune con la Fano Urbino: chiusa nel 1987, inserita tra le Ferrovie Turistiche Italiane, nonostante i lodevoli tentativi di tenerla in vita da parte di una associazione locale anche come tramvia leggera al posto degli autobus di linea, è stata alla fine riconvertita in pista ciclabile.

Proprio dall’esperienza toscana potrebbero derivare indicazioni utili per rendere la via verde del Metauro ecologica in tutto, anche evitando di usare asfalto o cemento sulla massicciata ferroviaria. Non c’è dubbio che, visto il grande successo della Fano Pesaro, la ciclabile che la Provincia vuole realizzare sui binari dismessi sia una scelta indovinata che sta convincendo sempre più associazioni, enti pubblici e privati cittadini. E anche in questo caso sarebbero soldi spesi bene.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2011 alle 19:03 sul giornale del 21 ottobre 2011 - 495 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, ferrovia, Enrico Tosi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qEL





logoEV
logoEV