Dismissione linea ferroviaria Fano-Urbino, Bucciarelli: 'la volontà di disegnare una strategia nuova'

raffaele bucciarelli 1' di lettura Fano 18/10/2011 -

Ho espresso martedì in Consiglio regionale il dissenso mio e della Federazione della Sinistra alla decisione della Giunta regionale di dare il proprio assenso alla dismissione definitiva della tratta ferroviaria Fano – Urbino. Si tratta di una scelta niente affatto obbligata e che segnala la rinuncia ad un modello di sviluppo teso a valorizzare, anche attraverso le infrastrutture trasportistiche, l'entroterra della regione.



La tratta ferroviaria Fano – Urbino era infatti parte di un progetto più ampio che interconnetteva l'entroterra regionale con la costa e con le direttrici ferroviarie adriatica e per Roma.

Le difficoltà dell'attuale momento economico, le scelte improvvide del Governo nazionale che privilegia opere faraoniche ed inutili al recupero ed al rilancio di infrastrutture che tanto potrebbero dare ai territori su cui ricadono, non sono giustificazioni sufficienti, soprattutto se addotte da una Giunta regionale che in materia di trasporti non ha saputo fare altro che il piagnisteo sui tagli dei trasferimenti statali, senza nulla proporre e, soprattutto, senza avere la capacità di modificare i rapporti tra trasporto su ferro e trasporto su gomma, (né, di conseguenza, di rimettere in discussione le modalità organizzative e gestionali di quest'ultimo) e tantomeno la volontà di disegnare una strategia nuova che permetta, anche attraverso l'innovazione tecnologica, una migliore intermodalità, un maggior rispetto dell'ambiente, una più alta qualità del trasporto pubblico locale.


da Raffaele Bucciarelli
Consigliere regionale Federazione della Sinistra





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2011 alle 16:43 sul giornale del 19 ottobre 2011 - 857 letture

In questo articolo si parla di fano, urbino, politica, ferrovia, Raffaele Bucciarelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qxw





logoEV
logoEV