x

Il PD contrario agli interventi edilizi in via Cavour

via cavour fano 2' di lettura Fano 25/07/2011 -

Viene discussa in Consiglio comunale a Fano, la proposta di delibera per il “piano di recupero in variane al piano particolareggiato del centro storico per un complesso di immobili siti in via Vecchia – via del Vasaro”, borgo Cavour, delibera che ha avuto il parere sfavorevole della commissione urbanistica in una seduta nella quale alcuni consiglieri di maggioranza erano assenti.



Il PD commenta il progetto di recupero e ristrutturazione di un complesso edilizio nel centro storico di Fano questa sera in Consiglio comunale

Il piano prevede la ricostruzione di alcuni edifici a uso abitativo e commerciale, secondo le richieste dei proprietari degli immobili, tre dei quali appartengono alla famiglia del consigliere regionale Mirco Carloni, che ha dichiarato che i suoi genitori insieme ad “alcuni cittadini hanno chiesto di ricostruire cinque casette di fila in centro storico, tra cui un ristorante, utilizzando il piano di recupero. Il consiglio comunale deciderà, approvando o bocciando nel merito il progetto, come è normale che sia e come ha già fatto in tanti altri casi analoghi”.

Il gruppo consiliare del PD, per voce della capogruppo, Oretta Ciancamerla e del consigliere Luca Stefanelli, ha espresso perplessità sul progetto, non entrando nel merito tecnico quanto, piuttosto, sulla pratica politica dell’amministrazione fanese, che porta in Consiglio comunale una delicata proposta di delibera, che riguarda una zona del centro storico, Borgo Cavour, già brutalizzata da vecchi interventi, con l’assenza, già annunciata, dell’assessore all’urbanistica, perché in vacanza, e dopo la bocciatura arrivata dalla commissione urbanistica consiliare.

La variante, dice la capogruppo, anche senza considerare altri aspetti, ad esempio gli scavi previsti per la creazione di ambienti nel sottosuolo, in una zona ricca di reperti archeologici, o l’elevazione di alcune parti degli edifici, va nella prospettiva di diminuire ancora gli spazi residenziali del centro storico a favore di esercizi pubblici e uffici, restando legati, aggiunge Stefanelli, a una politica e a norme degli anni ‘70, ormai superate, per un progetto, che per la sua importanza, deve partire in modo convinto anche dalla maggioranza, che sembra latitare.








Questo è un articolo pubblicato il 25-07-2011 alle 22:04 sul giornale del 26 luglio 2011 - 1955 letture

In questo articolo si parla di politica, ilaria biagioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/nLR





logoEV
logoEV