x

30 mila euro di 'coca' nelle mutadine, arrestata una nigeriana

1' di lettura Fano 23/07/2011 -

I carabinieri di Fano hanno arrestato una donna nigeriana con l'accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. La donna nascondeva sei ovuli di cocaina pura nelle parti intime.



Probabilmente credeva di aver trovato il "nascondiglio perfetto" ma non è andata così. I carabinieri della Compagnia di Fano infatti non si sono fatti ingannare e dopo un'attenta perquisizione, effettuata con l'ausilio di personale medico, hanno trovato la droga.

L'operazione è scattata nei giorni scorsi e si inseriva in una più ampia ed articolata attività di prevenzione e controllo del territorio finalizzata a contrastare l’immigrazione clandestina ed i reati ad essa correlata, tra cui lo spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, oltre 30 carabinieri, hanno passato al setaccio il centro storico di Fano, la zona lido e le Stazioni degli autobus del Pincio e della Stazione ferroviaria. Diversi gli extracomunitari risultati non in regola con le norme sul soggiorno e una decina gli extracomunitari che in passato erano incorsi in violazioni di legge per reati contro il patrimonio o per la normativa sugli stupefacenti.

In particolar modo gli uomini dell'Arma hanno fermato una 22enne nigeriana che nascondeva nelle mutandine e all'interno delle parti intime sei ovuli di cocaina pura, circa 80 grammi che avrebbe fruttato oltre 30.000 euro. La ragazza è stata arrestata e portata nel carcere di Pesaro con le accuse di “detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio".






Questo è un articolo pubblicato il 23-07-2011 alle 15:37 sul giornale del 25 luglio 2011 - 475 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/nHq





logoEV
logoEV