x

Matteo Ricci: 'Dal Centro Italia il rilancio della competitività'

matteo ricci 2' di lettura Fano 22/09/2010 -

Lettera aperta del presidente della Provincia ai giovani imprenditori di Confindustria.



Presidente Guidi e Giovani Imprenditori del Centro Italia, siamo certi che dal cuore del Paese passerà il rilancio della competitività nazionale. E’ questo il messaggio che desidero trasmettervi oggi, in occasione della vostra assemblea, lieto che il nostro territorio sia stato scelto come sede ideale dell’incontro tra coloro che avranno il compito di conferire slancio all’economia del domani. E’ vero: "Cambiare oggi per competere domani", come recita il titolo del forum, deve essere la bussola quotidiana, la linea guida delle nostre azioni per riprendere il cammino della crescita. Ma significa anche, in termini concreti, restituire un ruolo forte ai territori del Centro, la "cerniera" del Paese che ha espresso, in questi anni, gli amministratori e gli imprenditori indicati come esempi virtuosi di buon governo e buona imprenditoria.

E’ indubbio che gli interessi della nostra comunità provinciale siano coincidenti con i vostri: dalle politiche di sviluppo economico al federalismo fiscale, passando per i nodi infrastrutturali da sciogliere per lo sviluppo dei nostri territori. Pensiamo solo alla questione delle grandi opere: dei nuovi cantieri annunciati in partenza, solo uno, quello relativo alla Cecina-Civitavecchia, interessa il Centro Italia. E’ ora di colmare questo deficit, a cui ci ha condannato un dibattito sterile, schiacciato esclusivamente tra le rivendicazioni del nord e i mali irrisolti del sud. Anche per questo abbiamo deciso domani di occupare "istituzionalmente", per 3 giorni e 2 notti, la galleria della Guinza, simbolo della "grande incompiuta" Fano-Grosseto.

Perchè la strada dei due Mari – indispensabile asse di collegamento tra Adriatico e Tirreno, più che mai necessaria ai cittadini e alle imprese per l’abbattimento dei costi industriali - è diventata la vera cartina di tornasole della questione Centro Italia. Anche grazie alla rete di alleanze interregionale che abbiamo costruito in questi mesi, sulla E-78 tutti i territori interessati sono compatti e per la prima volta è stato definito il tracciato mancante dalla Guinza alla E-45. Ora ci aspettiamo nuovi passi in avanti: si tratta di una battaglia di modernità e civiltà, da portare avanti per la nostra competitività, che vogliamo combattere anche con il vostro indispensabile contributo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2010 alle 15:59 sul giornale del 23 settembre 2010 - 446 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, matteo ricci, provincia di pesaro e urbino, Provincia di Pesaro ed Urbino, impresa, centro italia, confidustria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cp6





logoEV
logoEV