SEI IN > VIVERE FANO > CULTURA
comunicato stampa

Fossombrone: 'Gente di mare', in mostra i taccuini di Anselmo Bucci

2' di lettura
555

anselmo bucci

Verrà inaugurata domenica 19 settembre, alle ore 17.30, alla “Quadreria Cesarini” di Fossombrone, la mostra “Anselmo Bucci. Gente di mare. Battute grafiche e verbali” , nell’ambito dello Spac, promossa dal Comune di Fossombrone e sostenuta da Provincia di Pesaro e Urbino, Regione Marche – Assemblea legislativa delle Marche e Fondazione Monte di Pietà di Fossombrone. L’esposizione consentirà di ammirare i fogli di due taccuini dell’artista (del 1930 e 1933) che evidenziano aspetti singolari della sua attività.

Il primo documenta l’impegno di “arredatore” su tre navi (il California, il Timavo e il Duchessa d’Aosta), progettate ad usi mercantili e militari e da destinare al trasporto passeggeri sulla nuova rotta Trieste – Sud Africa: l’esperienza marinara pregressa di Bucci gli consentì di “capire” le potenzialità architettoniche e abitative di spazi inusuali e angusti, senza negarne la funzione originaria ma trasformandoli in ambienti vagamente Liberty, con pannelli dipinti e ornamentazioni lignee capaci di ricreare un clima familiare al gusto della buona borghesia del tempo.

Il secondo taccuino è una sorta di brogliaccio di appunti grafici sul viaggio realizzato da Bucci nell’autunno 1933 sull’incrociatore “Pola”, dalla partenza da La Spezia allo sbarco, forse a Trieste, con l’appendice di un breve transito sul sommergibile “Jantina”: una straordinaria esperienza sulla vita di mare, anticipo di quella che l’artista avrebbe condotto di lì a poco, iniziato il conflitto mondiale nel 1939, quale “pittore di guerra”. E non è un caso che una parte cospicua di questi appunti si ritrovi riprodotta in un libro di guerra dello stesso Bucci, “Marinai”, edito nel 1942 con finalità propagandistiche. Evidente è il fascino dell’Album recuperato: Bucci alterna su questi fogli pittura e scrittura, mescolando i “generi” in modo che si integrino e chiariscano a vicenda, costituendo un linguaggio unitario ed inedito. Il catalogo della mostra esordisce con saggi di Giancarlo Gori, Silvia Cuppini e Francesco Rossi volti ad illustrare la personalità di Bucci come pittore e scrittore: ma si conclude con un’illustrazione completa degli oltre 300 fogli che compongono l’insieme, così che il visitatore possa avere un’immagine organica dei due Album come Bucci li aveva raccolti e lasciati.

L’esposizione, che si protrarrà fino al 7 novembre, è aperta tutti i giorni (tranne lunedì) dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30. Info: 0721.723238 – 723228.



anselmo bucci

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2010 alle 15:17 sul giornale del 17 settembre 2010 - 555 letture