x

Paolini (Lega Nord): 'Udc e Socialisti conoscono l'art 67 Costituzione?'

luca paolini 2' di lettura Fano 14/09/2010 -

Devo aver toccato qualche nervo scoperto se UDC e Socialisti di Fano mi attaccano - insieme a D'Anna. L'argomento - trito e ritrito "che ha fatto il deputato Paolini per Fano?" Ricordo ai simpatici interlocutori l'art. 67 della Costituzione che recita che il deputato è al servizio della Nazione (e non della citta di provenienza) e che di mestiere fa leggi e non "clientelismo" per il proprio collegio - peraltro, oggi, impossibile. Il perchè è un pò difficile da spiegare qui. Se vogliono fare un dibattito pubblico sull'argomento, mettendoci la faccia, glielo spiego meglio.



Aggiungo che essendo in Commissione Giustizia concorro - per lo più - a fare leggi in materia di Anti-mafia, intercettazioni, sicurezza, confisca, carceri, processi, contrasto alla pedofilia e simili, a differenza del collega Vannucci, ad esempio, che è in commissione Bilancio - dove si parla - per lo più - di soldi. Normale ripartizione di competenze. Certo è che se grazie alle nuove norme sulla confisca di beni ai mafiosi, lo Stato ha "recuperato" circa 6 miliardi di euro (+ 56% in 18 mesi).. I Fanesi, che sono circa un millesimo della popolazione italiana, hanno quindi "guadagnato" 6 milioni di euro !!!

Messa così fa un certo effetto, non è vero? I simpatici interlocutori attribuiscono all'UDC la paternità (unica o concorrente?) di finanziamenti piovuti in città nella scorsa legislatura (il nodo di scambio e la Chiesa di S. Francesco). Verificherò, anche perchè, nella scorsa legislatura, governando Prodi e compagnia, sarei pronto a scommettere che anche altri avranno "rivendicato" il risultato. Tornando a noi, ricordo che, oggi, la Lega, in provincia, vale quasi doppio dell'UDC, e senza aver fatto campagne elettorali faraoniche come taluni altri. Se la gente ci vota è perchè siamo chiari e liberi da condizionamenti palesi e occulti. Il nostro unico riferimento è la nostra gente. E la nostra gente, cari amici, non vuole che l'Ospedale sia chiuso o depotenziato per farlo chiudere per asfissia, non vuole che il Comune perda il controllo di ASET, non vuole che sorga un nuovo ipermercato o simili a seguito della variante all'ex- zuccherificio.

Il resto sono parole per non far capire come stanno davvero le cose. Dato che ci avete ricordato che, voi, i consiglieri ce li avete dite ai fanesi: voterete si o no alla "variante" dell'ex-zuccherificio? Manifesterete, il 18, con noi e con D'Anna, sulle piazze, per far cambiare il "progetto ospedale unico" e far si che Fano, terza città delle Marche, non abbia più il suo nosocomio? Siate evangelici, una volta tanto: dite e votate si o no. fano, 13 settembre 2010 - on. Luca R. Paolini - segretario regionale Lega Nord Marche


da Luca Rodolfo Paolini
       parlamentare Lega 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2010 alle 09:37 sul giornale del 15 settembre 2010 - 1726 letture

In questo articolo si parla di politica, Luca Paolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7a





logoEV
logoEV