x

Nasce uno sportello sulla mediazione dei conflitti

2' di lettura Fano 07/09/2010 -

È con grande entusiasmo e fiducia che saluto la nascita di questo progetto per la nostra città. L’Assessorato ai Servizi Sociali e Politiche della Solidarietà ha voluto sperimentare un progetto innovativo, moderno, solidale: la mediazione sociale dei conflitti.



È infatti necessaria una nuova concezione della sicurezza urbana, che orienti complessivamente le politiche di gestione della città, in cui gli interventi di ordine pubblico, senza dubbio necessari, siano integrati da azioni di carattere sociale, quali appunto la mediazione sociale dei conflitti. Tutti i conflitti nei vari ambiti della vita quotidiana (famiglia, vicinato, quartiere, ecc..) che evidentemente non possono essere gestiti dalle istituzioni della giustizia, trovano invece spazio ed accoglienza nelle pratiche di mediazione sociale, che contribuiscono anche ad evitare pericolose escalation verso comportamenti violenti.

In questa prospettiva la gestione della sicurezza urbana non può essere demandata ad un solo soggetto istituzionale, ma richiede la strutturazione di percorsi integrati e soprattutto partecipati che valorizzino le capacità di tutti, in prima istanza dei cittadini, nel creare luoghi della comunicazione e della cooperazione all’interno delle comunità territoriali. Con l’attivazione dello sportello di mediazione sociale dei conflitti intendiamo offrire non solo la possibilità di una gestione alternativa e costruttiva dei conflitti a due soggetti che stanno vivendo una situazione di contrasto e di conflitto, ma offrire a tutta la città l’opportunità di sviluppare una cultura della mediazione, in cui è la comunità stessa la coprotagonista di tutti gli interventi e le azioni di dialogo sociale.

E siccome è ormai unanimemente riconosciuto che la mediazione sociale rafforza il senso di sicurezza collettivo riducendo l’allarme sociale e sviluppando comunità più aperte e solidali e pertanto in cui si vive meglio, il nostro intento sarà non solo porre al centro del dibattito il “problema della sicurezza” quanto piuttosto iniziare a pensare la sicurezza urbana come risorsa da costruire insieme. Responsabile del progetto è il Direttore U.O. Minori – Stranieri Patrizia Giangolini.


da Davide Delvecchio
Assessore Servizi Sociali Comune di Fano
Segretario Comitato Comunale UDC

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2010 alle 11:35 sul giornale del 08 settembre 2010 - 1935 letture

In questo articolo si parla di politica, comune di fano, assessore servizi sociali, davide delvecchio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQ8





logoEV
logoEV