SEI IN > VIVERE FANO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Arte e cultura nell'antica galleria del Furlo con 'La natura e le cose'

2' di lettura
609

La cornice paesaggistica della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo ospiterà, da sabato 7 agosto al 12 settembre 2010, la mostra La Natura e le Cose , presso la chiesa di Santa Maria delle Grazie al Furlo di Fermignano (PU).

La chiesetta, addossata all’imbocco della Galleria di Vespasiano, a strapiombo sulla rupe del Candigliano e sull’invaso idroelettrico Enel del Furlo, fu costruita alla fine del 1400 in omaggio alla volontà dei viandanti che, in quel punto di passaggio, ringraziavano la Vergine Maria per l’ attraversamento incolume della Gola, sprovvisti di mezzi tecnologici.

L’evento, voluto dall'Assessorato alla Cultura e dalla Proloco del Comune di Fermignano con la collaborazione della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo, della Provincia di Pesaro e Urbino e di Enel, inaugurerà sabato 7 agosto alle ore 18.00. La Natura e le Cose vuole riproporre quel passaggio di uomini che, di fronte ai disagi che la natura avversa presentava, si raccoglievano in un luogo sacro, angusto e costruito su un terreno cedevole. Il pubblico, infatti, vi si riunirà e diverrà parte integrante del lavoro artistico in progress, riappropriandosi, insieme agli artisti, di un sito di grande importanza paesaggistica ed ambientale.

Alcune installazioni artistiche verranno ospitate temporaneamente nell’antichissima Galleria etruscoromana grazie alla disponibilità di Enel e alla cura della Proloco di Fermignano. E’ un sito, questa piccola e antichissima galleria, che reca i segni remoti della storia - incisi sulle pareti, nel suolo e sulle volte – custoditi dall’azienda dopo uno straordinario e innovativo intervento di consolidamento conservativo.

Qui le nuove tecnologie si abbracciano con la natura, immerse in uno scenario che racchiude anche un moderno e imponente monumento di raffinata architettura industriale, quale è la diga Enel nella Gola del Furlo con il suo coronamento che, come ricorda la lapide apposta sul parapetto, fu costruita nel 1920.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2010 alle 17:17 sul giornale del 07 agosto 2010 - 609 letture