In arrivo 'Fano Jazz By The Sea'

4' di lettura Fano 20/07/2010 -

La XVIII edizione di Fano Jazz By The Sea, festival da tempo riconosciuto come uno dei principali appuntamenti jazzistici estivi italiani, è ai blocchi di partenza: giovedì 22 luglio (ore 21.45; ingresso 10 Euro) è in programma a Villa Caprile di Pesaro una significativa anteprima di cui sarà protagonista il pianista turco Fahir Atakoglu, coadiuvato nell’occasione da due partner di valore quali il bassista canadese Alain Caron e il batterista cubano Horacio “El Negro” Hernandez, beniamino del pubblico marchigiano. Il concerto è organizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Pesaro, “Ville e Castella” e con I.T.A. “A. Cecchi”.



Fano Jazz By The Sea 2010 entrerà poi nel vivo a partire da domenica 25, proponendo numerosi altri artisti di assoluto rilievo internazionale che nell’insieme offriranno uno spaccato delle molteplici anime che oggi convivono armoniosamente nel mondo del jazz, fra rimandi alla tradizione della musica afroamericana e proficui incontri con altre musiche. Primo a scendere in campo sarà un nome di primissimo piano del jazz elettrico: Marcus Miller.

Il celebre bassista si esibirà sul “palcoscenico sull’acqua” allestito alla Marina dei Cesari del Porto di Fano rendendo sentito omaggio a Miles Davis, colui che nei primi anni Ottanta valorizzò le doti del formidabile musicista e produttore di Brooklyn. Lunedì 26 il festival si trasferirà alla Corte Malatestiana per l’esibizione del trio del bandoneonista argentino Dino Saluzzi, nella cui musica le innovazioni apportate da Astor Piazzolla al tango si fondono con un personale, profondo senso poetico.

Al suo fianco, il sassofonista Felix “Cuchara” Saluzzi, fratello del leader, e la violoncellista tedesca Anja Lechner. Le serate di martedì 27 e mercoledì 28, entrambe alla Marina dei Cesari, vedranno rispettivamente in scena il quintetto del sassofonista James Carter, artefice di una musica ad elevato tasso energetico nel solco del rapporto dinamico fra la tradizione del jazz e le sue diramazioni contemporanee, e il gruppo di un altro prodigioso bassista, Richard Bona, portavoce delle odierne contaminazioni fra jazz e Africa.

Quest’ultimo suonerà a Fano in esclusiva nazionale. Giovedì 29, di nuovo alla Corte Malatestiana, sarà il turno della coppia più amata del jazz italiano, Enrico Rava e Stefano Bollani: il trombettista di origine triestina, oltre cinquant’anni di militanza jazzistica alle spalle, e il vulcanico pianista riproporranno i brani del loro fortunatissimo album The Third Man, uscito nel 2007 per il prestigioso marchio ECM.

Venerdì 30 si tornerà alla Marina dei Cesari per il concerto della spettacolare band del sassofonista Maceo Parker, storico collaboratore di James Brown, ma anche di George Clinton e di Prince, e tuttora portabandiera del funk più esplosivo e travolgente. Sabato 31 infine, sempre al Porto, toccherà a un altro quotato pianista, Danilo Perez: il musicista di origine panamense, da anni assiduo collaboratore di Wayne Shorter, guiderà il proprio quartetto mescolando jazz e profumi latini.

Il concerto di Danilo Perez sarà seguito sul medesimo palcoscenico dall’esibizione della marchigiana Colours Jazz Orchestra, che presenterà il suo nuovo album Quando m’innamoro…in jazz, dedicato alle canzoni di Roberto Livraghi, spezzino di nascita ma fanese di adozione, autore tra i più prolifici della musica leggera italiana degli anni Sessanta. Festival nel festival, i concerti ‘round midnight al “Pala J” del Porto saranno incentrati su altre interessanti proposte nazionali e d’oltre confine.

In ordine di apparizione si ascolteranno a partire da domenica 25: Max De Aloe, specialista dell’armonica cromatica, l’emergente Tingvall Trio, il gruppo Sonic Codex dell’immaginifico chitarrista norvegese Eivind Aarset, il progetto ethno-jazz Omparty con il trombettista Luca Aquino ospite. Ed ancora: il chitarrista francese Lois Coeurdeuil, impegnato in un omaggio a Django Reinhardt di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita, il trio del pianista cubano Ramon Valle e il quartetto del chitarrista Roberto Cecchetto, che offrirà all’ascolto i brani del recente Mantra. Ma non è tutto: grazie alla collaborazione con la Riserva Naturale Statale Gola del Furlo e il Comune di Acqualagna, nell’ambito di “Furlo’in Jazz”, domenica 1 agosto si terrà nella splendida cornice della Gola del Furlo l’unico concerto italiano della cantante, ballerina e percussionista ivoriana Dobet Gnahoré, nuova stella della musica africana. Tutti i concerti, ad eccezione dell’anteprima, avranno inizio alle ore 21. Concerti al “Pala J” ore 23.

Prezzi: da 20 a 25 euro (sono previste riduzioni per i giovani fini ai 25 anni e per i possessori della Marche Jazz Card). Anteprima del 22 luglio: 10 euro. Concerto di Dobet Gnahoré: ingresso gratuito. Concerti al “Pala J”: ingresso gratuito. Prevendite: Teatro della Fortuna di Fano, tel. 0721 800750, dalle ore 17 alle 19 (dal 25 luglio anche la mattina dalle ore 10 alle ore 12 e nel pomeriggio dalle ore 17 fino ad inizio spettacolo). Informazioni: Fano Jazz, tel. 0721 803043 - info@fanojazz.org. Website: www.fanojazznetwork.it








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2010 alle 16:54 sul giornale del 21 luglio 2010 - 608 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di musica, jazz, fano, spettacoli, jazz festival, Fano Jazz by the sea, fano jazz, dino saluzzi-jazz festival, programma fano jazz by the sea 2010

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqh