Immobile in via Palazzi Gisberti: Aguzzi ordina lo sgombero

stefano aguzzi 2' di lettura Fano 15/04/2010 - Il sindaco di Fano giovedì mattina ha emesso una doppia ordinanza con la quale si ordina lo sgombero ai proprietari dell'immobile destinato a civile abitazione e situato in via Palazzi Gisberti n. 36 a Fano con conseguente divieto di accesso a persone non autorizzate.

Il provvedimento è stato adottato a seguito di una nota dei Vigili del Fuoco nel quale si segnalava un dissesto statico tale da poter determinare la parziale o totale inagibilità dell'immobile ubicato all'incrocio tra via Palazzi Gisberti e via Montevecchio con un cortile di pertinenza confinante con via Saffi, cui è seguita una relazione del servizio Lavori Pubblici nella quale risultava che: “l'edificio ad una vista generale appare in cattivo stato di conservazione e denota uno stato di scarsa manutenzione, attualmente nelle murature sono presenti lesioni che seppur numerose non lasciano supporre cedimenti strutturali immediati.


Inoltre, la copertura in legno appare ammalorata e alcune parti lignee sono particolarmente vulnerabili causa le infiltrazioni di acqua piovana causata dal manto di copertura sconnesso e da alcuni coppi rotti, ulteriori infiltrazioni di acqua piovana provengono dalla finestra della scala condominiale priva di un vetro; i controsoffitti del secondo piano sono lesionati ed in parte nella proprietà al secondo piano lato Pesaro rimossi; i solai intermedi e in particolare quelli in legno tra il primo e il secondo piano sono deformati; le volte del piano interrato con mattoni a vista sono state puntellate con una putrella in ferro e con un pilastro in legno; il giardino di pertinenza dell'immobile è infestato da erbacce di notevole altezza e il muro di cinta del giardino stesso presenta una vistosa lesione verticale, i bordi arrotondati della lesione denotano che la fessura non è recente; la rete di smaltimento delle acque non appare efficace ; l'impianto elettrico vetusto, ed in buona parte fuori traccia è privo dei necessari requisiti di conformità”.


Proprietari e residenti nel palazzo hanno dieci giorni di tempo per provvedere, mentre ai primi è stata intimata anche la realizzazione di tutte quelle opere urgenti e necessarie atte ai fini della tutela della pubblica incolumità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2010 alle 14:41 sul giornale del 16 aprile 2010 - 624 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, comune di fano, stefano aguzzi





logoEV