Ha debuttato con successo \'Il campanallo\' di Donizetti

Il campanello di Gaetano Donizetti 4' di lettura Fano 05/02/2010 - Risate e applausi per il debutto de Il campanello, farsa di Gaetano Donizetti andata in scena giovedì 4 febbraio al Teatro della Fortuna di Fano nell’ambito della Torelliana 2010, rassegna musicale della Fondazione Teatro della Fortuna.

Un pubblico attento e divertito ha seguito la storia del farmacista napoletano Don Annibale, neo sposo della diletta Serafina contesa dal giovane e intraprendente Enrico. Un piccolo gioiello donizettiano cantato e recitato, come da versione critica di Casa Ricordi curata da Ilaria Narici che ha “rispolverato” la prima stesura dell’opera che Donizetti scrisse (libretto e musica) per il debutto al Teatro Nuovo di Napoli il 1° giugno 1836, che prevedeva i dialoghi parlati al posto dei recitativi e la pare di Don Annibale in vernacolo partenopeo. Una prima esecuzione in tempi moderni di questa versione che è risultata gradita dal pubblico che ha riso con gusto e soddisfazione superando con facilità la “lingua” napoletana nelle battute più salaci e ironiche. Sorprendente la composizione del pubblico, molto diverso da quello di una “prima”, non solo perché quello si convoglierà nella replica di sabato per poter partecipare anche al ballo in maschera che seguirà l’opera, ma anche e soprattutto per l’eccezionale presenza di giovani ed anche giovanissimi che sono arrivati a teatro con le famiglie.



Un segno importante per la Fondazione Teatro che si sta molto impegnando in questi anni con convinzione e costanza nella crescita e formazione di una nuova fascia di pubblico anagraficamente più verde che non sostituisca ma si affianchi al pubblico adulto già appassionato delle varie forme teatrali, musica, prosa, danza. Apprezzate le prove di tutti gli artisti che sono stati salutati con applausi calorosi e convinti. L’ambientazione registica anni ’50 di Mauro Avogadro, coadiuvato dalla regista assistente Ola Cavagna e dai giovanissimi Salvatore Simone per le scene, Simona Magi per i costumi e Emiliano Pascucci al disegno luci. L’Orchestra Sinfonica Rossini, il Coro del Teatro della Fortuna Mezio Agostini diretto da Angelo Biancamano e il lavoro fatto dal M° Matteo Beltrami che ha anche “osato” passaggi un po’ arditi, sempre in accordo con la curatrice dell’edizione critica, come una citazione dell’Otello di Rossini arrangiata in chiave jazz. E naturalmente la prova dei cinque protagonisti in scena, i baritoni Roberto De Candia e Alfonso Antoniozzi, il soprano Stefania Donzelli, il mezzosoprano Elena Brescia e l’attore Martino D’Amico, perfettamente calati nei ruoli assegnati.



Ad assistere allo spettacolo rappresentanti della stampa locale, nazionale ed estera, il vice presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Davide Rossi e i soci della Polo Holding - sostenitrice della Fondazione Teatro e sponsor unico de Il campanello – Giovanna Minardi e Alberto Caverni con la responsabile della comunicazione, Chiara Bastianelli. Nutrita e prestigiosa la presenza del mondo teatrale con l’ex direttore artistico del Rossini Opera Festival, Luigi Ferrari, i registi delle opere in cartellone a Fano lo scorso anno, Renato Bonajuto (Carmen) e Roberto Recchia (Convenienze e inconvenienze teatrali), il pianista Ramin Bahrami che si è più volte esibito nel Teatro fanese dove ha tra l’altro recentemente inciso per la Decca il suo ultimo CD bachiano dedicato alle Suite Francesi, e l’attore Massimo Popolizio, a Pesaro in questi giorni con il suo Cyrano de Bergerac che non ha voluto mancare il debutto fanese del regista Mauro Avogadro del quale Popolizio ancora in questa stagione porta in scena il fortunatissimo spettacolo Copenhagen di Michael Frayn insieme a Giuliana Lojodice e Umberto Orsini. Appuntamento a sabato 6 febbraio con la replica e a seguire Buffet e Ballo “con” maschera non obbligatoria.



Nella seconda parte della serata post opera, Fabrizio Minuz, uno dei dj italiani più richiesti, condurrà il pubblico in un’atmosfera Vintage anni ’60 e dintorni, rimanendo nei paraggi dell’ambientazione dell’opera appena conclusa.



Biglietti 6 febbraio


Opera + Ballo in maschera + Spiritoso Buffet Interi Settore A € 60,00 | Settore B € 40,00 | Settore C € 30,00 | Settore D € 20,00 Ridotti Giovani max 25 anni o gruppi scuola con insegnante  SETTORE A/B  € 30,00 | SETTORE C/D  € 15,00 Ridotto Associazioni: Amici del Teatro, Domus Lirica Incanto e altri soggetti convenzionati  meno 10% Botteghino piazza XX Settembre 1 - 61032 Fano tel. 0721.800750 | fax 0721.827443 | botteghino@teatrodellafortuna.it Orario di apertura.


Dal lunedì al sabato esclusi i festivi 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10-12. Nei giorni di spettacolo 10.00 - 12.00 e dalle 17.30 in poi. Vendita on line TicketOne info 02.392261 | www.ticketone.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2010 alle 17:52 sul giornale del 06 febbraio 2010 - 966 letture

In questo articolo si parla di teatro, fano, spettacoli, teatro della fortuna, Fondazione Teatro della Fortuna, il campanello, gaetano donizetti





logoEV