Olivieri annuncia le dimissioni da coordinatore dell\'IdV

Italia dei Valori Fano 17/12/2009 - \"Credo che sia giunto il momento che anche io esprima la mia opinione. Come ho già chiarito in precedenza, ho commesso una leggerezza, ho agito in modo superficiale, pensando di scrivere una semplice battuta, perché tale doveva essere, anche se di cattivo gusto, non considerando il ruolo politico che rivesto\".

Quando me ne sono reso conto, ho subito telefonato al Sig. Carloni, porgendogli le mie scuse sincere. So di aver sbagliato, ma le mie erano solo parole. Io sono un essere umano, che per natura è imperfetto e pertanto può commettere degli errori. Ripeto le mie sono state solo parole, anche se fuori luogo, e per questo sono stato trattato come un ladro, un assassino, soprattutto da alcuni giornalisti della carta stampata. Leggo: la città di Fano condanna Olivieri: a cosa? alla crocefissione? Al patibolo? Forse condannano le mie parole, ma non me se non mi conoscono. E\' la prima volta che mi occupo di politica.



Non ho esperienza in merito. Ho intrapreso questo percorso pieno di ideali \"costruttivi\", alla prima gaffe mi sento trattare come un comune delinquente. Tutto ciò ha provocato un\'enorme sofferenza in me e nelle persone che mi sono vicine. Chi mi conosce sa che ho agito in modo impulsivo e superficiale. ma sa altrettanto che sono una persona per bene. Chi non mi conosce non vedo con quale competenza o autorità possa esprimere giudizi sulla mia persona, \"basandosi unicamente su un commento\". Ho deciso quindi per fermare questo attacco violento e abnorme alla mia persone di rassegnare da ora, le dimissioni da coordinatore comunale dell\'Italia dei Valori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-12-2009 alle 19:00 sul giornale del 18 dicembre 2009 - 2888 letture

In questo articolo si parla di politica, italia dei valori, idv, Thomas Olivieri


\"Chi sbaglia paga\" è giusto che paghi. Ma se deve dare le dimissioni, Lui, per una battuta seppur grave, molti di noi avremmo dovuto aver già lasciato gli incarichi da un pezzo. <br />
I cittadini \"del fare e non parole\" dovrebbero riconoscere la differenza che c\'è fra il dire ed il fare.

ceresani


Speriamo che ugualmente la carta stampata spinga deontologicamente alle dimissioni anche Santorelli

Caro concittadino Thomas Olivieri, sono fra quei fanesi che non hanno condiviso le Sue dimissioni. La satira non può andrebbe confusa con la cronaca (ricorda il famoso \"caso\" della vignetta di Forattini sul bianchetto di D\'Alema?)\".<br />
...Del resto, lo stesso Carloni, sportivamente, aveva ritenuto chiuso \"il caso\", dando allo stesso il peso che meritava, senza paventare chissà quali \"penitenze\". Fano, poi, è pur sempre la città che ospita il Carnervale più antico d\'Italia, dove lo sberleffo è (o era?) di casa (anche quando di gusto discutibile). <br />
Anche per queste motivazioni, e molte altre ancora, credo proprio che il gesto di mettere a disposizione il mandato politico poteva essere anche opportuno. Sarebbe poi toccato al partito valutare la faccenda. Ma le dimissioni, addirittura richieste da esponenti di altri partiti (fuoco amico?) proprio no.<br />
Con immutata cordialità e stima.

Come spesso accade se a sbagliare è un politico di sinistra arrivano le dimissioni.. non mi aspetterei l\'equivalente comportamento da Santorelli

scommetterei qualsiasi cosa sulle NON-DIMISSIONI di santorelli