Porto di Fano, ancora 13 mesi per il dragaggio. Aguzzi: agiremo subito

Fano 03/12/2009 - Le ultime notizie riguardo l\'urgente dragaggio che da mesi è atteso dai pescatori non sono affatto rassicuranti: Ma Aguzzi frena l\'allarme: ricorreremo ai fondi regionali per liberare almeno l\'imboccatura dai fanghi.

\"Mi impegnerò con l\'Assessorato ai lavori pubblici perché una parte dei fondi regionali sia impiegata per mettere subito in sicurezza l\'imboccatura del porto, grazie all\'accordo con Aset stoccheremo poi i fanghi presso la discarica di Monteschiantello\" queste le affermazioni di Aguzzi di ritorno dal deludente incontro di Ancona con l\'Assessore Carrabs il cui annuncio ha creato ieri il panico tra i pescatori. L\'Assessore regionale ai lavori pubblici ha infatti annunciato che per la realizzazione della cassa di colmata in Ancona, presso la quale andrebbero trasportati i fanghi provenienti da Fano, ci vorranno ancora 13 mesi. L\'urgenza del dragaggio non coincide dunque con i tempi di realizzazione della cassa e le associazioni dei pescatori promettono proteste qualora non venga dragata almeno la quantità di fanghi necessaria a mettere in sicurezza la vita e il lavoro degli uomini che ogni notte escono in mare.






Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2009 alle 17:29 sul giornale del 04 dicembre 2009 - 985 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, gianluca carrabs, stefano aguzzi, Elena Serrano, porto di fano, dragaggio





logoEV
logoEV