Barriere architettoniche: cominciamo con l\'adeguamento dei marciapiedi

disabile| 2' di lettura Fano 30/06/2009 - Il Sindaco e la Giunta hanno apprezzato e accolto con piacere i suggerimenti dei responsabili di Bene Comune, per quanto riguarda il problema delle barriere architettoniche a Fano.

Effettivamente su questo c\'è un ritardo storico, che va senz\'altro colmato. Numerosi sono i luoghi in cui hanno difficoltà di spostamento e di accesso non solo i diversamente abili ma anche tante altre persone, come ad esempio chi si sposta con bambini in carrozzella. Il problema inoltre non riguarda solo gli spazi pubblici, bensì spesso anche gli spazi privati e degli esercizi commerciali.


Per quanto riguarda gli spazi pubblici, le Amministrazioni Comunali che si sono succedute hanno cercato di dare delle risposte possibili, e in molti casi ciò è avvenuto. Per quanto riguarda questa Amministrazione, diciamo che la condivisione dei principi si sta già traducendo in interventi pratici, come l\'adeguamento dei marciapiedi collegati a passaggi pedonali. Un importante intervento in atto è il sottopasso della stazione e i lavori appena iniziati in via XII settembre: in questo modo sarà possibile giungere dal centro storico al mare senza incontrare barriere architettoniche.


Inoltre l\'Amministrazione Comunale, avvalendosi anche di associazioni di volontariato, sta organizzando un piano complessivo di abbattimento delle barriere architettoniche nella città, trattando sia spazi pubblici che privati. In questo senso occorrerà fare un\'azione persuasiva anche sui privati perché adeguino le loro strutture, laddove presentino barriere architettoniche. Infine potrebbe essere interessante creare nelle strade lastricate del centro storico, una percorso di pavimentazione che si inserisca nel contesto storico e architettonico e che permetta il movimento in autonomia anche di chi ha difficoltà motorie, quasi un tappeto steso per una realtà di città che voglia essere accogliente e non discriminante, a cominciare da via Arco d\'Augusto, vista come porta di ingresso alla città.


Ben vengano dunque osservazioni e proposte da parte di chiunque voglia collaborare ad elevare la qualità della vita a Fano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-06-2009 alle 13:53 sul giornale del 30 giugno 2009 - 931 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, comune di fano, disabile





logoEV
logoEV