Fano a cinque stelle: trasparenza sui costi dei manifesti

2' di lettura Fano 26/05/2009 - Con piacere per i nostri occhi e il nostro cervello abbiamo notato come ad un mese dalle elezioni, grazie a una disposizione di legge, le pubblicità tramite manifesti siano limitate ai soli pannelli comunali adibiti allo scopo.

Insomma sono scomparsi quegli opprimenti manifesti in serie e quei “faccioni” messi anche negli spazi per annunci funebri, che per mesi hanno fatto scempio della nostra città. Ma noi della lista civica “Fano a cinque stelle”, abbiamo ancora un conto in sospeso con quei “signori” che per mesi ci hanno fatto il lavaggio del cervello con manifesti patinati e slogan accattivanti.


Proprio di conti si parla, infatti. Da tempo ormai, dopo le nostre richieste pressanti, sappiamo che le spese previste per la campagna elettorale della coalizione FanoVale e Uniti per Fano ammontano sui 45.000 euro (anche se noi pensiamo molto di più).


Ma da tempo, per ragioni di trasparenza nei confronti dei cittadini, chiediamo quanto abbia speso ogni singolo candidato, non solo per i manifesti, ma anche per gli spazi pubblicitari nelle reti locali, sia radio che tv. Secondo noi ci si sono molti dubbi da risolvere dietro questo fuoco mediatico mai visto prima e mai realizzatosi in altre città della nostra provincia (a Pesaro, ad esempio, non si è assiste a questo “inquinamento visivo”).


Ecco i dubbi: 1) Di fronte a decine di migliaia di euro spesi singolarmente (perché questo è l’ordine dei costi presunti) per manifesti e spot tv, da chi prendono i soldi queste persone? Se da qualche “sponsor”, poi questo vorrà un tornaconto, una volta eletto il candidato.


2) E se i soldi fossero i propri, cosa giustificherebbe questo utilizzo spropositato di denaro, di fronte, spesso, a una semplice elezione a consigliere comunale? Passione per la politica, tempo da dedicare a cuore e portafoglio libero, per il bene dei cittadini? Noi ci crediamo poco, crediamo piuttosto che in questo tipo di politica anche locale, essere in consiglio comunale possa essere l’occasione per instaurare rapporti di clientela e legame con poteri forti.


Ecco che allora si giustifica la somma di denaro “investita” in questa campagna elettorale. Noi di “Fano a 5 stelle” e “Bene Comune” abbiamo fatto una scelta di trasparenza completa e abbiamo già pubblicato sui nostri siti tutti i capitoli di spesa per questa campagna elettorale.


Pensiamo che i cittadini fanesi siano degni di confrontarsi su pensieri profondi, proposte vere e un’etica nuova in questa politica fatta di belle facce ma poca sostanza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-05-2009 alle 14:39 sul giornale del 26 maggio 2009 - 741 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, fano a cinque stelle, Lista Civica Fano a 5 stelle





logoEV