Mondolfo: Darpetti, il sindaco fa bene a dare acqua di rubinetto

acqua 2' di lettura 14/01/2009 - Bene ha fatto il sindaco di Mondolfo a prevedere l’erogazione di acqua di rubinetto, anziché acqua minerale, nelle mense scolastiche e nella casa di riposo del suo Comune.

Sbaglia il consigliere Diotallevi a ritenere l’acqua del rubinetto peggiore dell’acqua minerale. E’ altresì vero il contrario. Riccardo Petrella, fondatore del Contratto Mondiale sull’Acqua, uno dei massimi esperti internazionali in materia, e tra i primi animatori di un movimento contro la privatizzazione della gestione dei servizi idrici locali, proprio di recente venuto a Fano per una conferenza pubblica, affermava infatti che: “L’ignoranza sulla gravità dello stato idrico in Italia è legata soprattutto ad una cultura assai debole dei beni comuni in seno alla classe dirigente nazionale e locale, accumulatasi nel corso degli ultimi trent’anni. Nel corso di questa conferenza, egli si è soffermato anche sulla non sufficiente conoscenza, da parte dei cittadini, non solo dei propri diritti, ma spesso anche della scarsa consapevolezza dei fatti quotidiani che riguardano la nostra vita. Un esempio eclatante è proprio l’uso dell’acqua minerale. L’acqua del rubinetto è l’unica che, per legge, deve subire un processo di potabilizzazione che ne controlla i parametri accettabili per il corpo umano. Le acque minerali altresì, sempre per legge, devono essere imbottigliate senza alcun trattamento (tranne che l’eventuale gassificazione) e come tali non sono “potabili”, ma “minerali”.


Pertanto per alcune acque, con particolari sali minerali, se ne sconsiglia addirittura l’uso costante o prolungato senza averne controllato la composizione. Inoltre le acque minerali, che rispondono ad una legge sulle estrazioni minerarie, grazie alla quale i gestori pagano cifre irrisorie per metro quadro di terreno utilizzato ma realizzano grandi profitti (non si spiegherebbero altrimenti gli enormi investimenti pubblicitari), producono anche enormi rifiuti di plastica che vengono smaltiti con costi a carico della collettività. Tutta la pubblicità ci ha indotto a credere che l’acqua minerale sia più salubre dell’acqua del rubinetto. Invece è esattamente il contrario, e sarebbe opportuno utilizzare l’acqua del rubinetto in tutte le mense scolastiche, negli ospedali, e in tutti gli altri locali pubblici. La nostra lista, Bene Comune, auspica infatti che tale provvedimento venga presto copiato anche dal sindaco di Fano, nonché da tutti gli altri sindaci della vallata del Metauro.


da Gabriele Darpetti
Lista Bene Comune




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 14 gennaio 2009 - 680 letture

In questo articolo si parla di politica, acqua, Gabriele Darpetti





logoEV
logoEV