Lupus in Fabula: \'Potature senza senso nel quartiere Poderino\'

potature poderino 2' di lettura Fano 14/06/2008 - \"Molto probabilmente la presente lettera sarà ignorata come tante altre che le abbiamo già inviato. Ma non perdiamo la speranza, sappiamo che le nostre parole sono come dei semi trasportati dal vento: da qualche parte, prima o poi, attecchiranno. Le potature di questi giorni nel quartiere Poderino non hanno alcun senso\".

Sappiamo che alcuni residenti le hanno richieste ormai da mesi, ma sono sbagliati i tempi e i modi in cui si sta intervenendo. Non si possono potare alberi di alto fusto di quelle dimensioni mentre sono in pieno sviluppo vegetativo, lasciando solo i rami principali e togliendo tutto l’apparato fogliare, perché ciò significa causare un grave danno alla loro salute. Le potature vanno eseguite in periodo di riposo vegetativo, da settembre/ottobre a febbraio/marzo, in relazione al clima stagionale. In primavera ed estate la chioma può essere ridotta al massimo di un 10%, altrimenti la pianta “soffre”.




Chi dirige un ufficio del verde pubblico queste cose dovrebbe saperle, e non dovrebbe permettere a nessuno scelte difformi dalle buone pratiche forestali. Inoltre, si tagliano le chiome in un periodo in cui c’è assoluta necessità di ombra e di ossigeno, per mitigare la calura estiva e l’aumento dell’ozono atmosferico. In ambito urbano l’assenza di ombreggiamento può significare dai 3 ai 5 gradi di temperatura in più, con conseguenti rischi per anziani e infermi, e con corrispondenti aumenti di consumi elettrici. Le chiediamo quindi di intervenire bloccando immediatamente i lavori, per farli riprendere a ottobre. Le chiediamo anche di portare la gestione del verde ad un livello qualitativo almeno pari a quello delle città limitrofe (guardare l’Europa per ora è un sogno!).





Per questo in estrema sintesi serve: Integrazione tra i settori che si occupano della progettazione con quelli che si occupano della gestione: urbanistica, lavori pubblici, arredo urbano, manutenzioni; Introduzione nei suddetti uffici di figure con professionalità adeguate ed in numero sufficiente; Maggiori stanziamenti nel bilancio ordinario per effettuare sostituzioni di singole alberature, per ri-progettare interi viali, per creare piccoli boschi urbani, in modo che ci sia un incremento e non una perdita complessiva del valore biologico del patrimonio arboreo cittadino (oggi si pensa solo a tagliare!) Approvazione di un moderno Regolamento di Gestione del Verde Pubblico e Privato, al fine di difendere il verde urbano esistente e di incentivare nuovi interventi.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 14 giugno 2008 - 848 letture

In questo articolo si parla di attualità, La Lupus in Fabula, potature poderino





logoEV
logoEV