Allarme favismo: ordinanza del sindaco per le aree di Fenile e Bellocchi

Comune di Fano| 1' di lettura Fano 18/04/2008 - Il sindaco di Fano ha emesso questa mattina una ordinanza con la quale si ordina il divieto assoluto di coltivazione e l\'obbligo di rimozione di fave o colture similari nei confronti di tutti i proprietari di terreni, orti, giardini nelle aree circostanti le frazioni di Fenile e di Bellocchi.

I proprietari delle aree comprese nelle planimetrie consultabili presso il comando di Polizia municipale, hanno quindi giorni di tempo per eliminare del tutto questi tipi di colture in questione.


Il provvedimento del sindaco è stato adottato in quanto il cosi detto \"favismo\" è un difetto genetico ereditario determinato dal deficit di glucosio 6 fosfato deidrogenasi, un enzima la cui alterazione provoca la rottura dei globuli rossi e di conseguenza crisi emolitiche gravi.


Soggetti affetti da tale deficit possono sviluppare crisi emolitiche a seguito dell\'ingestione di fave o prodotti similare e per inalazione di pollini durante il periodo della fioritura.


Accogliendo la richiesta a tutela di una persona affetta da \"favismo\" e dell\'Asur n. 3 di Fano che afferma \"non è possibile escludere l\'ipotesi di rischio per la salute\", e \"considerato che la coltura di fave, piselli e fagioli in prossimità del centro abitato, di agglomerati di case nell\'ambito rurale costituisce occasione di nocumento, nonché grave pericolo in considerazione del fatto che una eventuale crisi emolitica può avere conseguenze anche letali\", l\'Amministrazione comunale ha deciso di emettere l\'ordinanza n. 106 con la quale si vieta di coltivare nelle due frazioni fave o colture simili e di rimuovere quella già in atto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 aprile 2008 - 1653 letture

In questo articolo si parla di fano, politica, comune di fano