...

Aveva soltanto 17 anni. Prima si era sentito male, poi la febbre e il ricovero al San Salvatore di Pesaro. Infine la diagnosi: aneurisma cerebrale all’arteria vertebrale. Matteo Sanchioni – studente di Montelabbate, nonché giovanissimo e promettente calciatore – se n’è andato così. Troppo presto. Lasciando tutti sgomenti, comprese le altre società sportive del territorio. Alma Juventus inclusa.




...

Alessandro Rupoli è stato uno dei giganti dell’economia fanese. Egli non ha avuto solo il merito di aver fondato Schnell, uno delle industrie eccellenti nel mondo, di aver garantito il lavoro a centinaia di giovani del nostro territorio, di essersi speso in prima persona per far decollare il suo progetto imprenditoriale e per aver garantito per tempo il ricambio generazionale.


...

Grande cordoglio dall’amministrazione comunale e dal sindaco Massimo Seri che ricorda l’imprenditore fanese Alessandro Rupoli con stima e riconoscenza, non solo per lo straordinario contributo a favore dello sviluppo del sistema produttivo nel nostro territorio ma anche per la costante attenzione verso le questioni prettamente cittadine.








Edizioni Vivere
Le tue notizie sui quotidiani Vivere
su http://vivere.biz/comunicatistampa trovi tutte le informazioni su come inviare comunicati stampa...
Edizioni Vivere
La tua opinione è importante
Su tutti gli articoli di questo giornale è possibile lasciare un commento. L'idea che tutti stanno...



...

Era sempre rimasto sulla sua sedia a rotelle. D’altronde il suo miracolo era un altro: sapeva parlare, pur non avendone la capacità. Daniel Cardinali comunicava attraverso gli occhi, senza aver bisogno delle parole. Se n’è andato mercoledì, all’età di 32 anni. Li aveva compiuti proprio domenica scorsa.





...

Quando una passione ti salva la vita. O perlomeno ti evita il peggio. Ti fa respirare, nonostante intorno ci siano soltanto odio, sfruttamento. Guerra. A Dario Longarini è andata proprio così. Durante il secondo conflitto mondiale è stato deportato dai nazisti. L'avevano costretto a spaccarsi la schiena nei campi di lavoro. Ma era troppo bravo a utilizzare ago e filo: lasciarlo lì sarebbe stato un peccato. Per questo è stato trasferito a cucire divise per gli ufficiali delle SS. Ed è soltanto un frammento della sua lunga storia, di lui che era l'ultimo dei deportati ancora in vita in tutta la provincia, e che se n'è andato appena un giorno fa.







...

Ceramica, ma soprattutto teatro. Il suo amore per l’arte si concentrava principalmente lì, sui palcoscenici che ha calcato. Si chiamava Carla Fucci, e se n’è andata proprio in questi giorni, all’età di 85 anni. Figlia dell’artista fanese Melchiorre Fucci – detto Rino, noto in tutta Italia – e di Maria Mochi, era la mamma della presidente dell’Ente Carnevalesca Maria Flora Giammarioli.