...

La banda del bancomat ha colpito ancora. E lo ha fatto pure con una certa scaltrezza. Perché i ladri non si sono “limitati” a far saltare lo sportello automatico della banca per arraffare le banconote. Hanno adoperato, sì, l’ormai rodata tecnica della marmotta per far esplodere il bancomat, ma prima di tutto hanno sbarrato la strada alle eventuali auto di passaggio – anche se, a dirla tutta, erano le 3 della notte -, poi hanno messo a segno il colpo.




...

Lo ha lasciato incustodito per dieci minuti, ma tanto è bastato per vederselo portare via. Sono stati fulminei i tre minorenni che hanno approfittato di una distrazione per rubare un computer portatile appartenente a una docente dell’università. Salvo poi farsi incastrare dalle telecamere. Per la prof il danno oltre la beffa: i ragazzini le hanno infatti cancellato tutti i dati presenti nella memoria del computer.











...

Ha trovato una porta semiaperta, così ne ha approfittato. Ha oltrepassato l’area riservata agli utenti ed è entrato negli uffici del Comune, nel tentativo di arraffare il portafogli di una delle impiegate. Le quale, però, si è ribellata, e ha purtroppo dovuto pagare il prezzo del suo coraggio. La donna è infatti stata aggredita, ed è finita in ospedale.


...

Stava allungando le mani sul classico distributore automatico. Erano circa le 4 30 di notte, tra domenica e lunedì, e il suo intento non era quello di farsi una bibita. Stava provando, piuttosto, a scassinare la macchinetta per rubare i soldi presenti al suo interno. Sorpreso dalla vigilanza privata, se l’è poi data a gambe, dando così il via a un vero e proprio inseguimento.


...

Una Punto nera lungo la statale, con dentro tre persone. Sono due uomini e una donna, e fin qui niente di speciale. Peccato che l’auto sia considerata sospetta per via di un’indagine su alcuni furti nelle abitazioni, e che la polizia, all’improvviso, in un pomeriggio di luglio, la rintracci. Da lì un inseguimento che si è fatto pure pericoloso. I presunti ladri, durante la fuga, hanno urtato un ragazzino in bicicletta. Che è caduto ed è rimasto ferito.





...

Sono saliti sul tetto, l’hanno perforato, poi sono entrati. Una volta dentro hanno sabotato l’allarme e coperto con dei cartoni il suono della sirena che è comunque scattata. Tutto dimostra che sono dei veri professionisti – forse addirittura dei “mercenari” su commissione – i ladri che hanno preso d’assalto il magazzino di Calcinelli di Colli al Metauro della cantina Lucarelli, importante marchio che produce diversi vini di qualità.


...

Lo sportello riempito col gas e la telecamera messa fuori uso. Sembravano non aver lasciato niente al caso i malviventi che nella notte tra sabato e domenica hanno preso di mira il bancomat di via Campanella, all’ingresso del Codma di Rosciano. “Sembravano”, sì. Perché la cassaforte ha resistito, e i ladri se ne sono andati a mani vuote.



...

Non è facile pensare che si sia trattato di un semplice furto. Anche perché nessuno si prenderebbe la briga di smontare sportelli, cofano e specchietti di un’auto soltanto per i pochi spiccioli presenti nel bauletto. E lascia di certo riflettere il fatto che la vettura appartenga a Gianluca Cespuglio, persona molto in vista a Fano, soprattutto per la sua recente candidatura al consiglio comunale nella lista Noi Città, a favore di Massimo Seri.








...

Sono almeno sette i colpi messi a segno dalla banda individuata dai carabinieri di Fano. Erano “soliti” far saltare gli sportelli bancomat con dell’esplosivo, di cui erano abbondantemente in possesso. Si chiama “tecnica della marmotta”, e i criminali in questione hanno dimostrato di essere dei veri professionisti in materia. Ora i due custodi della banda sono stati arrestati.