...

Protagonista del mercoledì letterario - organizzato dalla casa editrice Aras, al Bastione Sangallo di Fano alle ore 21 - è il giovane intellettuale Paolo Di Paolo con il suo ultimo romanzo pubblicato per Feltrinelli “Lontano dagli occhi” (2020). È con questo lavoro, magnetico e struggente, che l’autore si guadagna il titolo di Finalista al premio Viareggio-Rèpaci.


...

Al Mercolibrì va in scena il primo incontro che segna la novità assoluta di questa terza edizione della rassegna. Una risposta creativa al distanziamento sociale, un’esperienza curiosa e innovativa. Protagonista dell’appuntamento la prestigiosa Quodlibet con un titolo squisitamente editoriale “Editoria senza editori” di André Schiffrin.


...

Svelato il programma del mese di luglio ricco di incontri interessanti e improbabili in città. Proposte letterarie di Feltrinelli, Quodlibet, La Gru edizioni, Giaconi editore e molti altri. Mercoledì 1 luglio alle 18.30 al Bastione Sangallo di Fano sarà protagonista una novità letteraria dal pesarese targata Aras Edizioni e firmata con pseudonimo dal misterioso Ge Miggioli, dal titolo “Le stagioni dell’eternità”.


...

Dopo la strepitosa apertura dedicata ai Camillas, la rassegna prosegue con una proposta di Aras Edizioni: “Storielle ebraiche e anche non” di Diana Sinigallia. L’appuntamento è per domani, mercoledì 24 giugno alle ore 18.30 al Bastione Sangallo di Fano. A chiacchierare con l’autrice sarà Eleonora Fiorani, amica della rassegna e nota artista del territorio.


...

Torna l'appuntamento estivo del mercoledì letterario al Bastione Sangallo (via Mura Sangallo, Fano) con un programma interamente dedicato alle novità editoriali del panorama italiano. "Il Mercolibrì" è a cura di Aras Edizioni che inaugura con un pomeriggio in memoria di Zagor Camillas, mitico fondatore del gruppo “I Camillas” prematuramente scomparso nell’emergenza sanitaria.


...

GIOVEDì 14 MAGGIO esce in libreria il secondo volume di Vita intellettuale e affettiva di Benedetto Croce. Parerga e Paralipomena di Giancristiano Desiderio. “Benedetto Croce negli ultimi anni della sua vita commise un’omissione e non se ne dava pace: non protestò per la creazione di un’istituzione sbagliata quale l’Unesco”. Il saggio prende avvio da questa vicenda quale emblema della “religione della libertà” che fu il fuoco della vita pensata e lavorata del filosofo.