Spintona un poliziotto, ma viene bloccato sui binari: spacciatore nei guai

1' di lettura Fano 11/01/2021 - Si sono finti passeggeri per tenere sott’occhio un presunto spacciatore. Ed è così, alla fine, che i poliziotti l’hanno potuto arrestare.

A finire nei guai un 25enne di origini nigeriane, regolare e residente in Emilia Romagna. Ma era la stazione di Fano la sua recente piazza di spaccio. Gli agenti del commissariato coordinati dal dirigente Stefano Seretti avevano notato da giorni la presenza ricorrente di persone già note quali assuntrici di stupefacenti. Dalle indagini successive è poi emerso il collegamento tra questi ultimi e lo spacciatore. Che era solito raggiungere la stazione di Fano in treno negli orari di punta - probabilmente per confondersi tra gli altri passeggeri – e poi ripartire con la corsa successiva.

L’arresto è avvenuto sabato mattina, quando gli agenti in borghese hanno tenuto d’occhio l’incontro tra il 25enne e alcune persone. Un contatto molto rapido, al quale ha poi fatto seguito l’intervento dei poliziotti. Tre le persone identificate, trovate in possesso di una dose di eroina a testa appena acquistata. Lo spacciatore ha provato a reagire spintonando un agente e scappando a piedi verso i binari, dov’è stato infine bloccato. Il ragazzo aveva con sé 1400 euro in contanti, l’incasso della droga. Il tutto si è concluso con la sentenza di patteggiamento della pena di un anno di reclusione.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il nuovo radiogiornale e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2021 alle 15:01 sul giornale del 12 gennaio 2021 - 833 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, fano, spazio, polizia di Fano, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bIQA





logoEV
logoEV