IN EVIDENZA





12 gennaio 2021

...

È stato rinvenuto un ordigno bellico sotto il ponte dell’Arzilla di Fano. Erano circa le 8 30 di lunedì quando è stato ritrovato proprio dagli operari, a ridosso del cantiere Aset per la vasca di prima pioggia. Stando alle prime informazioni disponibili si tratterebbe di una bomba d’aereo italiana della seconda guerra mondiale. L’ordigno – lungo 2 metri e largo 20 centimetri – sarebbe carico.




...

E’ stato rimosso l’ordigno bellico ritrovato questa mattina da un operaio escavatorista che stava lavorando nel cantiere per la vasca della prima pioggia all’Arzilla (i dettagli, ndr). La bomba, di fabbricazione italiana, lunga circa 2 metri e 20 centimetri, risalente alla seconda Guerra Mondiale, era stata rinvenuta proprio sotto uno dei piloni del ponte dell’Arzilla.






...

La giunta Guidarelli ha inviato una lettera al presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli e ai vertici della sanità regionale per avere informazioni urgenti sull’ospedale di Pergola, dalla situazione dei reparti di medicina e riabilitazione allo spostamento del distretto sanitario. Ha tra i destinatari anche gli assessori regionali Filippo Saltamartini e Francesco Baldelli, il direttore generale Asur Marche Nadia Storti e quello dell’Area Vasta 1 Romeo Magnoni.





...

Il virus non si ferma. Il 2020 si chiude con un bilancio drammatico per il nostro sistema produttivo colpito dal Covid. Quasi mezzo milione tra imprese e lavoratori autonomi potrebbero chiudere l'attività.



11 gennaio 2021


...

È un'altra triste giornata per la città della fortuna. Dopo le 4 vittime di sabato, anche il bollettino diffuso domenica dal Servizio Sanità della Regione porta pessime notizie per Fano, che nelle ultime 24 ore ha perso ben 6 persone a causa del Covid-19. In tutto, nelle Marche, i nuovi decessi sono 13, 7 dei quali nella provincia di Pesaro Urbino.







...

Affidando un incarico per “aggiornare” e “affinare” il cosiddetto “studio di fattibilità” sulla variante Gimarra, l’Amministrazione confessa platealmente che quest’ultimo documento, pur essendo costato quasi 25.000 euro, era gravemente carente sotto svariati profili. Molti degli approfondimenti mancanti, che ora si tenterà di recuperare, sono proprio quelli che avevamo segnalato lo scorso ottobre.


...

Passaggi Festival si complimenta con il direttore di Rai Radio 3 Marino Sinibaldi per la sua nomina a presidente del Centro per il Libro e la Lettura (Cepell). Un riconoscimento prestigioso alla professionalità e alla competenza di Sinibaldi, giornalista, critico letterario, autore e conduttore radiofonico e alla sua capacità di veicolare il libro, il sapere e la conoscenza, attraverso un mezzo così 'quotidiano’ e vicino alle persone come la radio, mantenendo inalterate qualità e valore del messaggio culturale.


...

Continua ad investire nel sociale l’Amministrazione comunale laurentina, con azioni concrete rivolte ai ragazzi che frequentano la scuola secondaria di primo grado. Sarà presentato lunedì 11 alle 10 agli studenti il progetto ‘L’ascolto fa crescere anche a distanza’, rispettando tutti i protocolli di sicurezza.


...

L’ambito sportivo è uno dei settori che sta pagando più a caro prezzo questa strana situazione legata all’emergenza sanitaria. L’ambito sportivo però, per sua natura, ha insito nel suo interno la capacità di fare squadra e fare rete per raggiungere obiettivi e uscire dalla difficoltà.


...

“La filodiffusione rimarrà accesa, per ora, fino alla fine di gennaio”. L’affermazione porta la firma dell’assessore alle Attività produttive del Comune di Fano Etienn Lucarelli che, motivato anche da alcune associazioni di categoria e dopo aver sentito anche diverse attività commericali, ha deciso di prorogare la filodiffusione musicale all’interno del cuore cittadino fino al 31 gennaio.




9 gennaio 2021






...

Ha preso il via alle 8 di venerdì mattina lo screening di massa di test rapidi per il Covid-19. Subito una buona risposta dei fanesi che si sono presentati già dalle prime ore del mattino e si sono messi in fila rispettando distanze e misure di sicurezza. Grande il lavoro anche della protezione civile e di tutti i sanitari che hanno fatto sì che le file scorressero veloci senza intoppi e hanno garantito a tutti la risposta entro 5 minuti.